Uragano Ophelia, un mostro da record verso l’Europa: il landfall Lunedì 16 Ottobre in Irlanda, allarme massimo sulle isole Britanniche

Uragano Ophelia, un "mostro" di 2ª categoria sulle isole Azzorre nel cuore dell'Oceano Atlantico: si muove lentamente verso l'Europa, Lunedì arriverà in Irlanda con una potenza devastante e venti a 180km/h

L’Uragano Ophelia è sempre più violento: un vero e proprio “mostro” di maltempo nel cuore dell’Oceano Atlantico, a ridosso delle isole Azzorre dove arriverà nella mattinata di domani, Sabato 14 Ottobre, provocando seri danni. La tempesta, infatti, è diventata talmente tanto forte da essere adesso classificata come un uragano di 2ª categoria sulla scala Saffir-Simpson, ma nel weekend durante il suo cammino verso l’Europa raggiungerà addirittura la 3ª categoria con venti superiori ai 180km/h. E sarà un mostro di 3ª categoria quando, Lunedì 16 Ottobre, si abbatterà sull‘Irlanda meridionale con venti impetuosi e devastanti mareggiate. L’allarme è già massimo in tutto il Regno Unito, anche se le zone più orientali dell’Inghilterra (come Londra) non subiranno seri danni dal passaggio i Ophelia e, anzi, vedranno le temperature aumentare fino a ridosso dei +30°C, proprio a causa dei venti caldi che l’uragano porterà con se’ dal nord Africa, muovendo anche ingenti quantità di sabbia del deserto del Sahara fin sul nord Europa. La pressione nel cuore dell’uragano è inferiore ai 970hPa, e proprio l’uragano Ophelia posizionandosi nell’Atlantico ha fatto “slittare” l’Anticiclone delle Azzorre sull’Europa centrale e sull’Italia dov’è in atto una grande anomalia di caldo e siccità che durerà almeno per altri dieci giorni, con temperature da record (fino a +30°C al Centro/Nord) per il mese di Ottobre. Ecco le pagine utili per seguire la situazione meteo in tempo reale: