Viaggio alla scoperta di San Salvador, l’isola delle Bahamas su cui approdò Cristoforo Colombo [GALLERY]

San Salvador, chiamata anche isola Guanahani, è l’isola su cui approdò Colombo. Ecco cosa riserva ai suoi visitatori

San Salvador, ritenuta il primo lembo di terra americana sulla quale approdò Cristoforo Colombo il 14 ottobre 1492, è la più estrema delle isole Bahamas. Chiamata anche isola Watling, Guanahani o Discovery Island, dichiarata nel 1991 dall’Unesco “Monument of Quincentennial” poiché punto geografico iniziale della “nuova epoca americana”, riserva numerose attrazioni. Cosa visitare? Oltre alle spiagge bianchissime e deserte, autentica oasi di pace e relax immersi nella natura più incontaminata, oltre alle acque cristalline, con fondali che attraggono ogni anno migliaia di turisti per la ricchezza della loro fauna sottomarina, sull’isola, che attualmente ospita 1000 persone che vivono in diverse piccole comunità, si trovano sorprendenti scogliere e laghi d’acqua salata. Da visitare il Monumento a Colombo, Landfall Park, Long Bay. Dopo 33 giorni in mare, il 12 ottobre 1492, Colombo sbarcò nella baia di Fernandez (Long Bay). Il monumento, inaugurato il giorno di Natale del 1956 da Ruth Durlacher Wolper, si caratterizza per la sua croce bianca commemorativa. Da ammirare il Castello di Watlings, il Faro di Dixon Hill, le rovine della Farquharson Plantation, il New World Museum con dipinti raffiguranti Colombo e manufatti provenienti da un insediamento originale di Arawak e ceramiche Lucayan. Ed ancora il Mexican Olympic Monument, che ospitava la fiamma olimpica, durante il suo viaggio da Grecia al Messico per le Olimpiadi del 1968, tenutesi a Città del Messico, il Chicago Herald Monument, una sfera di calcare intagliato commemorativa dello sbarco di Colombo, il Great Lake, il grande lago al centro dell’isola.