Zante, l’isola della Grecia sul mar Jonio epicentro del violento terremoto magnitudo 8.5 del 2 Novembre per l’esercitazione internazionale anti tsunami “NEAMWave17”

Tutto partirà da Zante: l’isola greca del mar Jonio sarà epicentro del terremoto di magnitudo 8.5 che verrà simulato Giovedì 2 Novembre per l’esercitazione  internazionale “NEAMWave17“, un test anti-tsunami per tutto il Mediterraneo e in modo particolare per l’Italia meridionale. Un appuntamento molto importante per testare la nuova rete di monitoraggio e prevenzione istituita con il Sistema di Allertamento nazionale per i Maremoti (SiAM), prevista dalla Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 17 febbraio scorso (in G.U. il 5 giugno 2017). Il SiAM – creato per valutare la possibilità che in conseguenza di terremoti in mare o lungo la costa avvenga un maremoto e di quale entità e per diffondere messaggi di allerta – è composto da INGV – Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, che opera attraverso il Centro Allerta Tsunami (CAT), ISPRA – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale e Dipartimento della Protezione civile.

Zante con un’area di 405 km quadri, è un’isola del mar Jonio situata a 300 km ad ovest di Atene e vanta alcune delle più belle spiagge della Grecia. Si tratta di un vero e proprio paradiso terrestre con sabbia finissima lambita da un mare turchese con fondali cristallini. Nota ai più come isola natale di Ugo Foscolo, Zacinto o Zante è proprio come la dipinse il poeta nella sua lirica e le Grotte blu sono una delle sue attrazioni più famose e pubblicizzate, che possono essere visitate sia con un’imbarcazione propria che tramite uno dei tanti tour in barca organizzati.

Queste particolari formazioni geologiche, che devono il loro nome ai particolari riflessi blu che l’acqua assume al loro interno, si susseguono lungo la costa nord-ovest dell’isola, iniziando subito dopo Agios Nikolaos per poi terminare in prossimità di Capo Skinari, creando scenari suggestivi, da cartolina. In molte grotte è possibile addentrarsi con una piccola o media imbarcazione, mentre la scoperta delle altre è riservata solo a nuotatori esperti e ai sub. I tour in barca per visitare le grotte partono dalla spiaggia di Makris Gialos, da Aghios Nikolaos e da Capo Skinari.

La simulazione del terremoto permetterà di effettuare un test di un reale processo di allertamento su scala nazionale per l’Italia meridionale: l’esercitazione prevederà, quindi, l’analisi del potenziale tsunamigenico del sisma effettuata dal CAT-INGV, lo studio in tempo reale dei dati mareografici rilevati dall’ISPRA e l’applicazione delle procedure di allertamento rapido da parte del Dipartimento della Protezione Civile. Sarà, inoltre, l’occasione per testare la piattaforma tecnologica, realizzata ad hoc, per l’invio rapido della messaggistica di allerta, che ne permetterà la trasmissione simultanea attraverso tre canali: email, sms ed IVR (Interactive Voice Response). I messaggi di allerta saranno inoltrati a tutte le Sale Operative Regionali di protezione civile e per le Regioni SiciliaCalabriaBasilicata e Puglia – quelle maggiormente interessate dallo scenario esercitativo – le comunicazioni raggiungeranno, sempre tramite la piattaforma, alcune amministrazioni comunali individuate dalle regioni stesse.

Rischio Tsunami, anche l’Italia si prepara: il 2 Novembre un terremoto 8.5 a Zante per la prima storica esercitazione al Sud – Intervista al coordinatore della protezione civile