L’Italia si è capovolta! Mentre al sud piove a dirotto, il nord/est soffre una gravissima siccità

MeteoWeb

Mentre al sud Italia diluvia con frane e allagamenti, il centro/nord Italia continua a vivere giorni di sole e di bel tempo: l’Italia sembra essersi capovolta e le precipitazioni che tra domenica e lunedì hanno interessato Liguria, Emilia Romagna, Toscana e in modo più debole il Piemonte e la Lombardia non possono aver messo fine a una gravissima siccità che continua da mesi e che è accentuata soprattutto al nord/est dove, tra Veneto e Friuli, non piove in modo serio davvero da molto molto tempo.
Stamattina sul Gazzettino, l’Associazione nazionale bonifiche e irrigazioni (Anbi) ha evidenziato che in Vento i primi due mesi dell’anno hanno fatto registrare mediamente solo 20mm di pioggia, meno della metà rispetto alla media di 46mm. In Friuli la situazione è simile se non peggiore. Il vasto incendio che nei giorni scorsi ha terrorizzato il Carso è anche figlio di un suolo assolutamente arido.

L’Arpav (Agenzia Regionale Protezione Ambiente Veneto) segnala, da ottobre a gennaio, un deficit di precipitazioni nevose pari al 40% sopra i 2200 metri ed al 70% tra i 1200 e i 1600 metri di quota. Tale fenomeno si traduce in una diminuzione sensibile del volume di acqua, presente nei bacini montani, fonte indispensabile di accumulo per garantire anche l’irrigazione nei territori agricoli a valle: i principali invasi del fiume Piave (lago di Pieve di Cadore, lago del Mis, lago di Santa Croce) sono ad un terzo della capacità; una situazione analoga si registra lungo il fiume Brenta, che va a completare un quadro generale che, dall’inizio dell’anno, segnala indicativamente riserve idriche inferiori del 10% rispetto alla media.

Nel lago Centro Cadore è stata addirittura verificata una moria eccezionale di pesci. “Il perdurare di questa situazione – ha detto il Presidente dell’Unione Veneta Bonifiche, Giuseppe Romanofa presagire un’apertura di stagione primaverile molto siccitosa; considerata anche la necessità di garantire i minimi flussi vitali dei fiumi, l’avvio del servizio irriguo potrebbe esserne compromesso con conseguenti gravi danni per l’agricoltura“. “Per questo – chiosa Massimo Gargano, Presidente Anbi – l’Autorità di Bacino Alto Adriatico promuoverà a breve un incontro, presenti anche le Unioni Regionali Bonifiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia, per aprire un confronto con i gestori delle centrali idroelettriche al fine di prevenire un’eventuale situazione d’emergenza. È un metodo che condividiamo ed abbiamo sollecitato, perché indispensabile a ricercare il contemperamento fra i diversi interessi, che insistono sulla risorsa acqua, pur nella consapevolezza che la legge prevede la priorità dell’uso agricolo dopo quello umano“.