Maltempo sul Pollino terremotato, neve sui rilievi come in pieno inverno. La Regione chiede lo stato di calamità

MeteoWeb

Il maltempo, oltre al freddo, ha portato anche la neve sul massiccio del Pollino, colpito venerdi’ scorso da una scossa di terremoto di magnitudo 5. Le cime si presentano imbiancate. La nevicata, comunque, non ha interessato i comuni colpiti dal sisma dove, invece, continua a piovere. Pioggia che sta provocando disagi alle operazioni di soccorso ma non particolari problemi.

Il Consiglio regionale della Calabria ha votato un documento unitario sottoscritto sia dai gruppi di maggioranza che di opposizione con cui si impegna ”la Giunta regionale ad intraprendere ogni opportuna e necessaria iniziativa per alleviare le sofferenze e i disagi delle popolazioni colpite dal sisma”. Nell’ordine del giorno, inoltre, si chiede un confronto con il Governo e con il Dipartimento di Protezione civile affinche’ ”sia considerata l’opportunita’ di dichiarare lo stato di emergenza e perche’ sia comunque garantita e adottata ogni utile ed opportuna misura di intervento a sostegno delle stesse popolazioni e degli enti locali impegnati in prima fila sul fronte dell’emergenza”. Inoltre, con l’ordine del giorno, si chiede che ”l’eventuale predisposizione di un’ordinanza di protezione civile, a valle della dichiarazione di stato di emergenza, dovra’ prevedere la redazione di un piano di previsione e prevenzione della vulnerabilita’ sismica del patrimonio pubblico e privato dell’intera area, e la realizzazione di un conseguente piano straordinario di interventi strutturali per la riduzione del rischio e la messa in sicurezza degli immobili, a salvaguardia dell’incolumita’ delle popolazioni e per la ripresa delle normali attivita”’.