Un blocco di aria molto fredda si è già messo in moto verso la Norvegia; da domenica raggiungerà anche le nostre regioni apportando un sensibile calo termico

MeteoWeb

Il cambiamento ormai è sempre più vicino. Osservando gli ultimi loop del satellite polare si nota molto bene lo spostamento di una massa d’aria gelida, che dal nord della Groenlandia si sposta verso le Svalbard, il mare di Barents e l’estremo nord del territorio norvegese e della Svezia, dove è in atto un autentico tracollo dei valori termici. Attualmente sta nevicando sulle Svalbard e sull’isola di Jan Mayen, con temperature scese sotto i -5°C e una sostenuta ventilazione settentrionale. Lo spostamento, lungo le latitudini artiche, di questo blocco di aria molto fredda indica che sta per partire la prima ondata di freddo sul vecchio continente. La stessa che fra domenica e lunedì raggiungerà pure le nostre regioni, apportando il primo freddo autunnale e le prime nevicate stagionali sui principali comprensori montuosi del centro-nord. Tutto merito del recente “forcing” troposferico dinamico dell’anticiclone delle Aleutine, alimentato da un esteso richiamo d’aria molto mite e umida dalle latitudini sub-tropicali, che dal Pacifico settentrionale si è disteso lungo i meridiani, attraverso l’Alaska, fino al mare di Beaufort, ha intaccato in prima persona il lobo principale del vortice polare, localizzato sul mar Glaciale Artico centro-orientale. A seguito di questa azione di “forcing”, l’intrusione di masse d’aria meno fredde dalle latitudini meridionali, sul mare di Beaufort, sta attivando una forte ventilazione occidentale che spingerà l’aria molto fredda che si è accumulata in queste ultime settimane sopra le isole dell’Artico canadese verso il nord della Groenlandia, dove si è già isolata una lacuna di aria piuttosto gelida, con isoterme sotto i -28°C -30°C alla quota di 850 hpa (circa 1650 metri).

L'afflusso di aria molto fredda diretta verso la Mitteleuropa

Si tratta di un blocco di aria molto gelida, anche sotto i -30°C a 850 hpa, che nel corso della settimana tenderà a spostarsi verso est, dal nord della Groenlandia fino alle Svalbard, favorendo lo spostamento del lobo principale del vortice polare, che intaccato dal “forcing” troposferico aleutinico, tenderà a spostarsi verso le Svalbard e il mare di Barents (completamente libero dai ghiacci), dove verrà ulteriormente alimentato dall’affondo delle gelide masse d’aria che dal nord della Groenlandia si riverseranno verso l’alto mar di Norvegia e il mar di Barents, tramite una intensa ventilazione occidentale, con una spiccata curvatura ciclonica fra l’estremo nord della Norvegia e il mare di Barents. L’aria artica molto fredda, scorrendo sopra la più mite superficie del mare di Barents (circa +1.5° +2.0° sopra le medie del periodo), si scalderà negli strati più bassi della troposfera, originando quei contrasti termici che daranno enfasi all’approfondimento di questa area ciclonica, a carattere freddo, che fungerà da regia per la prima avvezione artica di stagione verso la penisola Scandinava e l’Europa centrale, con risentimenti fin sull’area del Mediterraneo. Durante il prossimo fine settimana, la “polar low” (struttura ciclonica “baroclina”) si andrà a strutturare a tutte le quote sopra il mare di Barents, con un minimo principale centrato a nord delle coste norvegesi del Finnmarks, a seguito della formazione di un più solido anticiclone di blocco, esteso dall’Atlantico nord-occidentale verso la Groenlandia, il quale farà affluire masse d’aria molto fredde, di origini propriamente polari, verso la Norvegia e la Svezia, dove si verificheranno le prime vere nevicate di stagione fino a bassissima quota, se non al piano sulle coste e sui fiordi della Norvegia centro-settentrionale.

Soprattutto le coste della Norvegia centro-settentrionale, causa lo “stau” prodotto dai forti e umidi venti da N-NO che si caricano di umidità sopra l’omonimo mare. Da qui le masse d’aria fredde oceaniche, costrette a salire verso l’alto per la forzatura orografica, raffreddandosi ulteriormente, addensano sui rilievi del vicino retroterra una consistente nuvolosità che darà luogo a rovesci di pioggia mista a neve, o neve pure, fino alle coste. Tale circolazione depressionaria, per tutto il proseguo di settimana, verrà costantemente alimentata dallo scivolamento di aria molto fredda, di matrice polare, che direttamente dal mar Glaciale Artico affonderà verso il mar di Groenlandia e il mar di Norvegia, tramite venti molto forti da NO e N-NO, che fra giovedì e venerdì sferzeranno il mar di Groenlandia, mar di Norvegia, per estendersi successivamente al mar del Nord, ove si realizzeranno forti burrasche da N-NO e NO che potranno propagarsi alle coste danesi e a quelle dell’Olanda, particolarmente esposte ai furiosi venti artici che scivolano da N-NO. L’afflusso di queste masse d’aria molto fredde, dal mar Glaciale Artico, favorirà l’ulteriore approfondimento dell’ampio vortice ciclonico sub-polare, legato al vortice polare, che sul finire di settimana rischia di sprofondare sotto la soglia dei 970-968 hpa, divenendo abbastanza profondo. Talmente profondo da essere in grado di aspirare e pilotare verso i paesi della Mitteleuropa e le regioni settentrionali italiane una parte dell’immenso blocco di aria fredda che entro il fine settimana tenderà a oltrepassare la catena alpina. Finora, l’unica cosa certa, è che da domenica si assisterà ad uno stravolgimento del quadro termico, che ha presentato delle vistose e prolungate anomalie termiche positive fino all’ultima decade del mese, con un sensibile calo dei valori massimi e minimi nell’intero arco di giornata. In qualche caso si potranno perdere pure più di -12° -13° rispetto i valori odierni, mentre sulle pianure del nord e nelle principali vallate alpine e dell’Appennino settentrionale, durante le ore notturne, si potranno creare le condizioni ideali per le prime deboli gelate di stagione.