Allerta Meteo, violento ciclone in arrivo al centro/sud: piogge torrenziali e venti impetuosi, le mappe e l’avviso dell’aeronautica militare

/
MeteoWeb

02Avviso emesso dal Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare nella notte: fenomeni intensi entro le prossime 12/18 ore. Si prevedono: – precipitazioni intense a prevalente carattere temporalesco inizialmente su Sardegna e poi in trasferimento su Lazio, Abruzzo, Molise e Campania. – venti sino a burrasca forte dai quadranti occidentali su Sardegna, Sicilia, Campania, Basilicata, Puglia e Calabria con mareggiate lungo le coste esposte. A partire dalla mattinata di oggi, mercoledì 22 maggio e per le successive 24-36 ore si prevedono: – precipitazioni intense a prevalente carattere temporalesco inizialmente su Sardegna e poi in trasferimento su Toscana, Lazio, Marche, Umbria, Abruzzo, Campania, Basilicata e Calabria. – venti sino a burrasca forte dai quadranti occidentali su Sardegna, Sicilia, Campania, Basilicata, Puglia e Calabria con mareggiate lungo le coste esposte. – dalla serata di mercoledì 22 maggio 2013 venti forti nord orientali su Marche ed Abruzzo.

07Il servizio meteorologico dell’Aeronautica militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia. Situazione: persiste sul nostro paese un flusso di correnti sud-occidentali che mantengono condizioni di instabilita’ al nord e favoriscono la risalita di corpi nuvolosi dal Nord Africa verso le regioni centro meridionali. Tempo previsto fino alle 24 di oggi: – al nord: cielo generalmente poco nuvoloso con un moderato aumento della nuvolosita’ nel corso del pomeriggio sulle aree alpine e prealpine che daranno luogo a locali piogge piu’ probabili su Trentino Alto Adige e Veneto. – al centro e Sardegna: condizioni di tempo perturbato sull’isola con precipitazioni diffuse e consistenti specie a carattere temporalesco. Molte nubi anche sulle altre regioni con piogge sparse con tendenza a peggioramento con fenomeni temporaleschi. – al sud e Sicilia: nuvolosita’ irregolare in rapida intensificazione con precipitazioni associate sulle regioni peninsulari. Su Campania, Molise e settori tirrenici di Basilicata e Calabria le precipitazioni risulteranno consistenti e assumeranno prevalente carattere temporalesco Temperature: in calo massime e minime sulle isole maggiori, in leggero calo le massime al centro e sul nord est, in generale lieve aumento le minime sui restanti settori. Venti: deboli localmente moderati settentrionali al nord, forti sulle due isole maggiori e sulle regioni meridionali con tendenza ad ulteriore intensificazione, moderati sulle regioni centrali con tendenza ad aumento sul settore Adriatico. Mari: mosso Adriatico settentrionale, agitato o molto agitato Canale di Sardegna, Stretto di Sicilia e basso Tirreno, molto mossi i restanti mari.

03Il servizio meteorologico dell’aeronautica militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per la giornata di domani, giovedi’ 23 maggio. – al nord: residui annuvolamenti localmente compatti su Emilia-Romagna con locali rovesci associati; poche nubi sulle altre regioni. Dal pomeriggio aumento della copertura nuvolosa sulle aree confinali alpine, specie su Triveneto dove non si escludono locali rovesci e qualche temporale in sconfinamento alle pianure orientali. – al centro e Sardegna: molte nubi per la prima parte della giornata sul settore adriatico, con residui fenomeni associati ma con graduali ampie schiarite. Poco nuvoloso altre regioni. – al sud e Sicilia: maltempo su tutte le regioni peninsulari con estesa copertura nuvolosa e precipitazioni diffuse. Tendenza a miglioramento salvo una persistenza dei fenomeni su Campania ed aree tirreniche di Basilicata e Calabria. Nuvolosita’ meno consistente sulla Sicilia, anche se non si escludono occasionali piovaschi pomeridiani. Temperature: in calo sulle regioni meridionali, in generale lieve aumento sulle restanti regioni. Venti: deboli localmente moderati settentrionali al Nord; da moderati a forti dai quadranti occidentali sulle restanti regioni. Mari: agitati Stretto di Sicilia, Mare e Canale di Sardegna; mosso l’Adriatico settentrionale; da molto mossi a localmente agitati gli altri mari.