Rosmarino: un prezioso alleato contro i radicali liberi e il colesterolo

MeteoWeb

Da semplice pianta utilizzata in cucina per preparare e aromatizzare cibi, a prezioso alleato per contrastare i radicali liberi e ridurre il colesterolo

Il rosmarino, il cui nome scientifico  – esistono comunque diverse varietà – Rosmarinus Officinalis, è una pianta appartenente alla famiglia delle Labiate. Conosciuto sin dai tempi dei Greci, Romani ed Egizi, veniva impiegato in molteplici modi, come ad esempio per disinfettare le stanze dei malati, curare il mal di denti e durante gli esorcismi, o anche per profumare cassetti e armadi così da tenere alla larga le tarme dai vestiti. Oggi il suo uso è prettamente rivolto nella preparazione e all’aromatizzazione di cibi. Ma a parte ciò, occorre tenere presente che il rosmarino presenta molteplici proprietà nutritive e benefiche, ma anche controindicazioni, che la rendono utile per la salute del nostro organismo. Quindi meglio non farla mai mancare in cucina, tenendola a portata di mano, in un adeguato vaso sul vostro balcone.

ROSMARINO 3Il rosmarino oltre a contenere carboidrati, proteine e fibre, contiene sia sali minerali (in particolare sodio e ferro), vitamine (tra cui la vitamina C), ma anche flavonoidi, acidi fenolici e tannini, sostanze importanti che contribuiscono a prevenire disturbi cardiovascolari in quanto aiutano a controllare il colesterolo cattivo (LDL), e sono inoltre potenti antiossidanti in grado di contrastare i radicali liberi e l’invecchiamento cellulare. Il rosmarino contiene, inoltre, 130 calorie per 100 grammi di prodotto, pochissime se le paragoniamo al suo reale utilizzo.

Le proprietà terapeutiche del rosmarino sono molteplici. E’ un eccellente alleato nel contrastare le malattie dovute al freddo come raffreddore, mal di gola, tosse e febbre. Per le sue proprietà astringenti (merito dei tannini), lo rendono utile in caso di diarreacolitenausea, emorragie e nel caso in cui vi sia un flusso mestruale abbondante. L’ acido carnosico, in grado di combattere i radicali liberi del cervello, conferisce al rosmarino la capacità di prevenire l’invecchiamento celebrale e a rinforzare così la memoria. Inoltre, studi recenti affermano che il rosmarino aiuti a migliorare la circolazione sanguigna; aiuta nei casi di cali di pressione e apporta benefici alla salute degli occhi.

Bere un infuso o una tisana al rosmarino, aiuta a depurare e disintossicare il fegato, stimola la digestione e contrastano il meteorismo, gli spasmi ventrali, le vertigini, l’inappetenza e altri disturbi intestinali.

rosmarinoPer le sue proprietà deodoranti, tonificanti e purificanti viene utilizzato per la produzione di cosmetici, come ad esempio prodotti utili per chi ha la pelle grassa o cellulite. L’olio essenziale di rosmarino se utilizzato per fare il bagno è un ottimo rimedio naturale contro la stanchezza e lo stress. Mentre sui capelli stimola la ricrescita e previene l’alopecia e la calvizia.

Per quanto riguarda gli effetti collaterali legati al consumo e all’utilizzo di rosmarino, non esistono particolari casi, ma occorre, però, non esagerare nelle dosi per evitare problemi di tipo gastrico. Non va assolutamente consumato in gravidanza o se affetti da epilessia.