Accadde oggi: nel 1956 presentato il primo videoregistratore

MeteoWeb

Era esattamente il 14 aprile 1956 quando la Ampex Corporation presenta al Nab di Chicago, alla presenza dei vertici delle stazioni della rete statunitense Cbs, il primo videoregistratore a nastro. L’attesa era stata tanta perché il nuovo dispositivo sarebbe stato in grado di non far più ripetere in diretta i telegiornali per adeguarsi ai tre diversi fusi orari del continente. Tra i suoi progettisti vi era anche un giovane 23enne laureando di ingegneria, Ray Dolby, il cui nome sarà poi legato per sempre alla messa a punto del Dolby Stereo System, lo standard dell’audio stereofonico e che inoltre, nel 1967, progettò il primo videoregistratore con l’audio privato del fastidioso fruscio.

Il primo videoregistratore, che venne denominato Ampex Mark IV e poi VRX-1000, utilizzava il formato 2 pollici Quadruplex (o Quad) e aveva costi enormi: 45.000 dollari dell’epoca, pari all’incirca a 265mila euro attuali. Ma solo nella prima settimana di commercializzazione arrivarono più di 70 ordinazione, contro l’aspettativa di una decina stimata dai produttori. Per i videoregistratori “casalinghi” bisognerà attendere la seconda metà degli anni Settanta, con il Vhs (Video Home System) sviluppato dalla compagnia giapponese Jvc.