Social network: narcisisti in cerca di like a rischio dipendenza

MeteoWeb

La foto con lo sguardo giusto, l’ammiccamento “tattico“, senza mai dimenticare di postare le esperienze particolari o il commento sul fatto del giorno. Ma se i post non raggiungono il numero sperato di like, restano delusi e diventa un serio problema. In cerca di autopromozione e ammirazione, i narcisisti rischiano, secondo uno Studio dell’Università di Firenze, di diventare dipendenti da Facebook e altri social network, che a quanto pare sono il terreno ideale per far proliferare il narcisismo. Lo Studio, condotto da Silvia Casale, Giulia Fioravanti e Laura Rugai e pubblicato sulla rivista Cyberpsychology, Behavior, and Social Networking, ha preso in esame un campione di 535 studenti che hanno completato un questionario per valutare la relazione tra propensione al narcisismo e l’uso di Internet. In base a quanto emerso i ‘narcisisti vulnerabili‘, cioè quelli insicuri e con meno autostima, sono quelli più propensi a preferire le iterazioni attraverso lo schermo piuttosto che faccia a faccia, e corrono il rischio di diventarne dipendenti. I ‘narcisisti megalomani’ o grandiosi, invece, cioè che tendono all’esibizionismo ma non temono il contatto col mondo reale, vanno apertamente a caccia di consensi e, allo stesso tempo, sono meno ‘addicted‘ ai social media. Dal punto di vista dell’utilizzo dei social network, inoltre, non sono state riscontrate differenze significative tra i narcisisti grandiosi e i non-narcisisti.