Psichiatria: esperti da domani a Roma per il Congresso di Psicopatologia

MeteoWeb

La sofferenza mentale, uno dei più gravi problemi dell’epoca contemporanea in progressivo aumento a livello planetario, sarà il tema centrale del XXI congresso nazionale della Società italiana di psicopatologia (Sopsi), che si svolgerà al Rome Cavalieri Congress Center dal 22 al 25 febbraio 2017 a Roma. Presenti i più importanti ricercatori nazionali e internazionali. Obiettivo della Sopsi, la società scientifica di riferimento degli psichiatri italiani, è promuovere il ‘Progetto Salute mentale 20.20’ secondo le indicazioni dell’Oms agli stati membri, relative al Piano globale per la Salute mentale 2013-2020, che prevede di “affrontare la malattia e i carichi economici e sociali, le conseguenze dei disturbi mentali sui diritti umani in tutti i paesi del mondo”. Tra i temi più importanti che verranno trattati nel congresso figurano anche quelli dei disturbi comportamentali provocati dalla varie dipendenze (droghe, ludopatie, internet). “Come evidenzia l’Oms – sottolinea il presidente della Sopsi, Alberto Siracusano – il carico dei disturbi mentali sta aumentando e comporta forti ripercussioni sulla Salute e importanti conseguenze sociali, economiche e per i diritti umani”. Anche se a determinare la sofferenza mentale concorrono cause non solo di tipo sociale ma anche neurologico – spiega la Sopsi in una nota – gli esperti dell’Oms e della medicina psichiatrica intendono porre al centro dei lavori del congresso “la situazione di ansia generale innescata dalla paura di quello che potrà accadere”. Chiaro il riferimento all’instabilità sociale provocata dalla crisi economico-finanziaria, ai fenomeni del terrorismo internazionale, ai terremoti o ai cataclismi provocati dai cambiamenti climatici del pianeta. In Italia – conclude la Società italiana di psicopatologia – sono 4000 le persone che ogni anno si tolgono la vita, con un aumento dal 2008 (anno dell’avvio della crisi) di un +12% di suicidi negli uomini giovani e adulti in età lavorativa, vale a dire dai 25 ai 69 anni.