Ecco perché “le dimensioni contano”: le persone alte sono più esposte ai tumori, il rischio aumenta del 10% ogni 10 cm di altezza

MeteoWeb

Nonostante fosse già noto che le persone alte incorrono in un rischio più elevato di essere colpite da un tumore, sconosciuti erano i motivi: una ricerca statunitense ha scoperto che ciò accade perché possiedono un maggior numero di cellule in grado di essere colpite dalla malattia.
Secondo uno studio pubblicato su Proceedings of Royal Society B condotto su popolazioni di 3 continenti, il rischio aumenta del 10% ogni dieci centimetri di altezza: essendo dovuto al maggior numero di cellule presenti nel corpo, è un pericolo innato e quindi impossibile ridurlo.

Più frequenti sarebbero i tumori come il melanoma, legato a un elevato tasso di divisione cellulare e anche alla effettiva superficie della pelle, mentre quelli allo stomaco, alla bocca o all’utero non sembrano essere influenzati dall’altezza.

Anche se le persone molto alte farebbero bene a sottoporsi a controlli più frequenti, si consideri comunque che si tratta di un effetto statistico relativamente limitato, in quanto l’altezza non è ovviamente né il solo né il principale fattore di rischio tumorale.