Enorme asteroide accompagnato dalla sua mini luna sfreccerà vicino alla Terra nel weekend: considerato “potenzialmente pericoloso”

L'asteroide 1999 KW4 è ampio quasi 1,5km mentre la sua luna ha un'ampiezza di 0,5km: passerà vicino alla Terra ad oltre 77.000km/h e per la sua orbita è considerato potenzialmente pericoloso

MeteoWeb

Un enorme asteroide accompagnato dalla sua luna sfreccerà vicino alla Terra nel weekend ad una velocità di oltre 77.000km/h. Il passaggio più vicino si avrà all’1:05 di notte (ora italiana) del 26 maggio. L’asteroide 1999 KW4 è composto da una roccia spaziale principale ampia poco meno di 1,5km e da una luna ampia 0,5km che orbita intorno ad esso. Anche se non saranno visibili ad occhio nudo, l’asteroide e la luna offriranno una buona opportunità sia per gli astronomi che per gli appassionati per osservare l’enorme roccia spaziale. Sarà possibile osservarlo per diversi giorni prima e dopo la data del 26 maggio.

1994 KW4 è un asteroide Aten, ossia caratterizzato da un’orbita con semiasse maggiore inferiore ad un’unità astronomica. La sua orbita lo porta tra le orbite di Venere e della Terra. Completa un’orbita intorno al sole ogni 188 giorni. Durante il prossimo passaggio, l’asteroide passerà a grande distanza di sicurezza dalla Terra (5.182.015km), circa 13,5 volte la distanza luna-Terra. Un’interessante caratteristica di questa roccia spaziale è la sua forma. È oblata, ossia schiacciata, con una cresta equatoriale, simile agli asteroidi Bennu e Ryugu. Questa cresta gli conferisce un aspetto simile ad una noce o ad una trottola. Le osservazioni suggeriscono che l’asteroide secondario, ossia la luna di 1999 KW4, orbita la roccia principale ogni 16 ore ad una distanza di circa 2,6km.

Bennu, “l’asteroide dell’Apocalisse”: per la NASA l’impatto con la Terra rilascerebbe 80.000 volte l’energia della bomba di Hiroshima

L’asteroide è stato scoperto nel 1999 dal Lincoln Near-Earth Asteroid Research (LINEAR) di Socorro, nel Nuovo Messico, utilizzando gli osservatori Goldstone e Arecibo. È stato classificato come un oggetto near-Earth e come oggetto potenzialmente pericoloso dal Minor Planet Center dello Smithsonian Astrophysical Observatory. Tuttavia, l’orbita di questo enorme asteroide è ben compresa e non crea alcun rischio per la Terra. Durante i suoi passaggi più vicini al nostro pianeta, la sua orbita non lo porta più vicino di 5 volte la distanza luna-Terra. Il prossimo “incontro” con la Terra, che sarà ancora più vicino dell’attuale, si verificherà il 25 maggio del 2036.

Gli astronomi condurranno osservazioni radar dell’asteroide 1999 KW4 dall’Osservatorio Arecibo di Porto Rico dal 29 maggio al 7 giugno, ma anche utilizzando il Goldstone Solar System Radar della NASA, posizionato nel deserto vicino Barstow, in California, dal 26 al 31 maggio. Gli appassionati di astronomia, invece, avranno bisogno di un telescopio di 8 pollici o più per osservare la roccia spaziale sfrecciare vicino al nostro pianeta.

Una curiosità: dopo il passaggio di 1999 KW4, nessun asteroide conosciuto dalle dimensioni pari o superiori a questa roccia spaziale si avvicinerà al nostro pianeta a questa distanza fino al 2027. Il 6 giugno di quell’anno, l’asteroide 4953 (1990 MU), passerà vicino alla Terra a 12 distanze lunari e tornerà nel 2058 a 9 distanze lunari.