Gli adulti tendono ad ingrassare mezzo chilo l’anno, ma c’è un “trucco” per evitarlo

I soggetti adulti tendono ad ingrassare mezzo chilo l'anno: adottando semplici strategie comportamentali è possibile evitarlo

MeteoWeb

Un ricerca pubblicata su BMJ Nutrition, Prevention & Health ha scoperto che sostituire mezza porzione di “junk food” (patatine fritte o in busta, carni molto lavorate, ecc.) con appena 14 grammi al giorno di frutta secca aiuta a non prendere peso negli anni e riduce il rischio di obesità.
In media, i soggetti adulti tendono ad ingrassare mezzo chilo l’anno: adottando semplici strategie comportamentali, è possibile prevenire il graduale aumento di peso, un’arma importante per preservare la nostra salute e per la prevenzione di vari tipi di malattie, tra cui quelle cardiovascolari.
Lo studio ha coinvolto tre gruppi di persone: 51.529 maschi di 40-75 anni; 121.700 donne di 35-55 anni; 116.686 donne di 24-44 anni. Gli esperti hanno seguito l’intero campione per 20 anni, monitorandone lo stato di salute, il peso e l’alimentazione ogni 4 anni: si è scoperto che chi negli anni ha aggiunto alla propria alimentazione almeno 14 grammi di frutta secca al giorno, mostrava un minor rischio di prendere 2 o più kg in 4 anni (somma 500 grammi per anno).
Consumare una manciata di noci al giorno si associa a un rischio minore del 15% diventare obesi.
L’effetto protettivo della frutta secca è più evidente se sostituisce una o più porzioni di “cibo spazzatura”.
Lo studio è solo osservazionale, ma i risultati supportano l’idea che il consumo regolare di frutta secca sia benefico e aiuti a controllare il peso, anche perché aumenta il senso di sazietà.