Maltempo, il forte vento sferza l’Italia: raffiche fino a 206 km/h sul Gran Sasso, una donna morta a Sondrio. Danni in Piemonte, Abruzzo e Marche

Il Maltempo sferza l'Italia: la tempesta Ciara, dopo l'Europa, arriva anche nella Penisola con forti venti che hanno colpito in modo particolare il Nord causando danni e disagi

MeteoWeb

Il forte vento sferza l’Italia.Da ieri pomeriggio i vigili del fuoco sono al lavoro per fronteggiare i danni causati dal forte vento: 226 interventi effettuati nelle Marche, 180 in Piemonte e 166 in Abruzzo“. 

Per quanto riguarda l’Abruzzo, il vento ha soffiato a oltre i 200 chilometri orari sul Gran Sasso. I dati sono stati registrati dalle stazioni dell’associazione meteorologica Aq Caput Frigoris. La stazione del Rifugio Franchetti, a 2433 metri di quota sul Gran Sasso, ha registrato una raffica con intensita’ di 206 km/h questa mattina alle 7:05; alla stessa quota temperatura minima di +1.3°C alle 05:06.

Altri dati sulle raffiche di vento: a Prati di Tivo (1450 metri) la massima intensità registrata è 146 km/h, a Campo Imperatore (1950 metri di quota) 123 km/h, sul Monte Genzana (stazione a 1980 metri di quota) 122 km/h, Ovindoli (L’Aquila) 103 km/h, Bisenti (Teramo) 103 km/h, Chieti alta 97 km/h, Rifugio Fioretti (1500 metri di quota, nella Val Chiarino, territorio della frazione aquilana di Arischia) 95 km/h, Lanciano (Chieti) 95 km/h, Castelnuovo Vomano (Teramo) 85 km/h. Intanto sulla costa si registrano temperature quasi estive: a Pescara +26°C oggi alle 10.30.

In Piemonte vento a 204 kmh in montagna, 80 Km/h a Torino

Il vento continua a soffiare impetuoso in Piemonte con raffiche che in alta quota, nel Gran Paradiso, hanno raggiunto questa mattina i 204 km/h. Raffiche fino a 80 km/h a Torino, superiori sulla collina attorno al capoluogo piemontese. Il vento ha continuato a flagellare anche la Valle di Susa, con raffiche a 95 km/h a Susa, ma ancora più colpita la provincia di Cuneo: 109 Km/h al Colle della Lombarda, sopra Vinadio, 112 Km/h a Limone. Solo qualche sporadica nevicata in quota trasportata dal vento. La centrale di Torino dei Vigili del fuoco ha ricevuto centinaia di chiamate per richieste di intervento.

Vento forte nel Potentino: 5 i comuni più colpiti

Avigliano, Melfi, Tolve, Rotonda e Terranova di Pollino sono i cinque comuni della provincia di Potenza più danneggiati dalle forti raffiche di vento che soffiano dalla serata di ieri. Da stamani, i Vigili del fuoco del comando provinciale di Potenza hanno fatto numerosi interventi “in tutta la provincia per la caduta di alberi, rimozione di ostacoli sulle strade e per coperture di fabbricati divelte”. Proprio a Terranova, il vento ha scoperchiato un fabbricato non abitato: i Vigili del fuoco sono intervenuti con un’autopompa e cinque operatori, oltre ad un funzionario per la “verifica tecnica”. Sul posto sono intervenuti anche i tecnici comunali.

Una donna morta a Sondrio

L’episodio più grave si è verificato a Traona, in provincia di Sondrio, dove una 77enne, Alda Spini, è morta dopo essere stata colpita dalle parti di un tetto di una casa che si è scoperchiata per le intense raffiche di vento. La donna è stata ferita a morte mentre si trovava per strada. Proprio nella zona della bassa valle di Sondrio sono state decine le operazioni dei vigili del fuoco, entrati in azione per rami caduti e lamiere sollevate, a causa delle robuste folate.

Le chiamate al 115 si sono susseguite anche in altre zone d’Italia: 226 interventi sono stati portati a termine nelle Marche, 180 in Piemonte e 166 in Abruzzo mentre in Lombardia, a Brezzo di Bedero in provincia di Varese, gli operatori hanno domato un incendio boschivo. In Piemonte le raffiche di Foehn hanno raggiunto anche i 210 km/h in montagna e sono arrivate oltre gli 80 km/h in pianura. Tra le province più colpite c’è quella di Rimini, dove sono stati effettuati 30 interventi, e quella di Ancona dove i vigili del fuoco hanno ricevuto 90 chiamate di soccorso per rami, camini, insegne, antenne, grondaie, tegole pericolanti e alberi abbattuti.

300 interventi vigili del fuoco nelle Marche 

Sono 300 gli interventi effettuati nelle Marche dai vigili del fuoco delle 8 alle 20 a causa del forte vento che batte tutta la regione: circa 70 interventi a Pesaro Urbino, circa 80 ad Ancona, circa 70 a Macerata e circa 70 nelle province di Ascoli Piceno e Fermo. I vigili del fuoco sono stati impegnati nella rimozione di alberi e rami caduti sulle strade o su edifici, messe in sicurezza di tetti, cornicioni e parti pericolanti.