Coronavirus, la situazione nel Mondo tra vittime e contagi: in Cina ormai oltre 3mila morti, stato d’emergenza e crociera bloccata in California, primo decesso in Svizzera

La California ha dichiarato lo stato d'emergenza dopo la prima vittima per Coronavirus. In Corea del Sud sono stati confermati 438 nuovi casi

In Cina ha superato quota 3.000 il bilancio delle vittime per il Coronavirus, secondo i nuovi dati diffusi dalla Commissione Sanitaria Nazionale. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 31 nuovi decessi e 139 nuovi contagi. Il totale dei positivi nel Paese è ora di 80.409 casi confermati.
Altri due casi di persone positive al coronavirus provenienti dall’Italia sono stati registrati nella provincia orientale cinese dello Zhejiang, portando a dieci il numero di casi importati nella zona dal nostro Paese: lo riferisce il tabloid Global Times.

Il numero dei casi di coronavirus fuori dalla Cina hanno raggiunto la soglia dei 15mila: secondo l’ultimo conteggio, ci sono 95.416 contagiati di cui 80.409 in Cina, gli altri 15.007 sono sparsi nel mondo. I principali focolai sono in Corea del Sud (5.766), Italia (3.089) e Iran (2.922).

In Corea del Sud sono stati confermati 438 nuovi casi, portando il totale nazionale a quota 5.766: lo ha riferito il Korea Centers for Disease Control and Prevention, secondo cui si sono registrati 3 ulteriori decessi che hanno fatto salire il bilancio a 35. Gran parte delle nuove infezioni sono relative a Daegu, la quarta città sudcoreana con i suoi 2,5 milioni di abitanti.

Negli USA, la California ha dichiarato lo stato d’emergenza dopo la prima vittima per Coronavirus: si tratta, riporta il Los Angeles Times, di un uomo con patologie preesistenti che aveva sviluppato i primi sintomi a bordo della nave da crociera Grand Princess, tra San Francisco e il Messico. Rientrato in USA il 21 febbraio, ha chiamato i numeri d’emergenza: è stato sottoposto a test domenica, è risultato positivo martedì, ed è deceduto mercoledì, il 4 marzo. E’ possibile che abbia contagiato altre persone. Il governatore della California, Gavin Newsom, ha dichiarato lo stato d’emergenza.
Migliaia di persone sono bloccate sulla nave da crociera Grand Princess al largo della costa californiana. Le autorità hanno bloccato il ritorno della nave a San Francisco dalle Hawaii per poter sottoporre i 3.500 a bordo ai controlli sanitari. Potenzialmente contagiati sono 11 passeggeri e 10 membri dell’equipaggio, 62 passeggeri che erano rimasti a bordo dal precedente viaggio in Messico sono stati isolati nelle loro stanze per essere sottoposti ai controlli.
La Grand Princess appartiene alla Princess Cruises, la stessa compagnia della Diamond Princess, la nave da crociera che il mese scorso è rimasta bloccata in Giappone a causa del diffondersi dell’epidemia a bordo.

La Russia ha registrato un altro caso di Coronavirus: si tratta di un cittadino italiano ed è in condizioni soddisfacenti, ha precisato il centro operativo per la lotta contro il virus in un comunicato, ripreso da Interfax.

La Svizzera ha annunciato il primo decesso provocato dal COVID-19: lo ha reso noto la polizia.

Non solo soli gli studenti italiani non andranno a scuola nei prossimi giorni, come parte delle misure per contenere l’epidemia: secondo l’Unesco, la chiusura degli istituti scolastici colpisce attualmente oltre 290 milioni di ragazzi in tutto il mondo, dalle scuole dell’infanzia alla fine del liceo.
I paesi che hanno chiuso tutte le scuole, riferisce l’Unesco, oltre all’Italia sono Armenia, Azerbaigian, Bahrein, Cina, Hong Kong, Macao, Corea del Nord, Iran, Iraq, Giappone, Kuwait e Libano.
Ci sono scuole chiuse in distretti di Francia, Germania, Corea del Sud, Regno Unito, Singapore, Thailandia, Stati Uniti e Vietnam.