Coronavirus, viola lockdown per fare sesso con un gigolò ma non lo paga: multato dai carabinieri dopo essersi presentato in caserma

Come pegno, il gigolò si è impossessato del portafogli e del cellulare del cliente che non ha pagato per la prestazione sessuale: i due si sono presentati in caserma

MeteoWeb

Un 50enne reggiano aveva concordato telefonicamente una prestazione sessuale a pagamento con un gigolò per l’importo di 450 euro, ma alla fine non ha pagato. Come pegno, il gigolò si è impossessato del portafogli e del cellulare del cliente. La controversia è finita in caserma, dove i due si sono presentati un’ora dopo. Il 50enne voleva indietro portafogli e cellulare, mentre il gigolò i 450 euro pattuiti. La vicenda si è verificata ieri primo maggio a Campagnola Emilia, nella bassa reggiana.

I carabinieri della locale stazione hanno fatto presente al gigolò che non poteva trattenere gli effetti del cliente che quindi gli venivano immediatamente restituiti. Peggio è andata al 50enne, che è stato sanzionato con una multa da 400 euro per essersi spostato in altro comune senza un motivo valido, non essendo considerata la prestazione sessuale una circostanza di necessità.