Allerta Meteo Veneto: maltempo in via di attenuazione, codice arancione per Fratta-Gorzone

Allerta per la Rete idraulica principale del Bacino "Basso Brenta-Bacchiglione" in Veneto: domani previste precipitazioni al più locali e modeste

MeteoWeb

Va attenuandosi l’eccezionale ondata di maltempo che ha investito il Veneto in questi giorni. Il Meteo regionale segnala per la giornata di oggi ancora alcune precipitazioni sparse e generalmente modeste – con eventuali nevicate intorno ai 1000 metri – che andranno ulteriormente diradandosi fino ad esaurirsi in serata. Domani, giovedì 10 dicembre, è previsto tempo prevalentemente molto nuvoloso con precipitazioni al più locali e modeste.

In considerazione degli eventi atmosferici, il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Regione, oggi alle 14.00, ha emesso un avviso di criticità valido fino alle 20.00 di domani. Lo stato di “preallarme” (allerta “Arancione”) è confermato solo per la Rete idraulica principale del Bacino “Basso Brenta-Bacchiglione” (PD, VI, VR, VE, TV) in riferimento al Fratta-Gorzone dove si prevedono livelli idrometrici ancora sostenuti. Sulle rimanenti zone del bacino è da considerarsi lo stato di “Attenzione”, fissato anche per la rete idraulica secondaria. Ridefinita la criticità idrogeologica in altre zone della Regione, fissando lo stato di “Attenzione” nei seguenti bacini: “Alto Piave” (Bl), “Piave Pedemontano” (Bl, Tv), “Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone” (Vi, Bl, Tv, Vr). In quest’ultime aree, l’elevata saturazione dei terreni può determinare ancora fenomeni franosi. Stato di “Attenzione” anche per le reti principale e secondaria del bacino “Livenza-Lemene-Tagliamento” (Ve, Tv).

In miglioramento le strade nel Bellunese

Migliora la situazione sulle strade del Bellunese. Le squadre della societa’ di gestione Veneto Strade hanno lavorato senza sosta tanto da permettere la riapertura della SR 48 “delle Dolomiti” fino a Misurina. Riaperte anche la SP 3 “Valle Imperina” e la Sp 6 “Danta di Cadore”, in Comelico. I Passi restano chiusi ad eccezione del Campolongo, che pero’ risulta chiuso dalla parte trentina, del Forcella Staulanza e del Passo Duran, per le emergenze. Scongiurato l’isolamento dell’Alto Zoldano, visto che e’ transitabile anche il Forcella Cibiana. Il lavoro per gli operatori di Veneto Strade continua con la pulizia delle strade dalla neve e dai detriti franati nei giorni scorsi. Lavoro incessante per cercare di riaprire entro Natale almeno una corsia della Sp 251 “della Val di Zoldo e Val Cellina” tra Longarone e Forno di Zoldo, dove il movimento franoso e’ stato molto consistente.