Accadde oggi: il 30 giugno 1934 la “Notte dei lunghi coltelli”

In un colpo solo Hitler fece strage dei suoi avversari interni ed esterni, l’intera operazione durò tre giorni

MeteoWeb

Adolf Hitler, conquistata la cancelleria tedesca, ordina la liquidazione dei dirigenti delle “Camicie brune” di Ernst Rohm, l’anima rivoluzionaria del nazismo. La strage, portata a termine dalle SS di Heinrich Himmler, avviene la notte del 30 giugno 1934 che viene ricordata come la “Notte dei lunghi coltelli“.

L’epurazione contro i vertici delle SA, ovvero le squadre d’assalto naziste, riuniti a BadWiessee, insieme ad altri oppositori del regime, è ricordata in Germania come Röhm-Putsch, secondo l’espressione coniata dal regime.
Secondo i dati ufficiali, forniti dallo stesso Cancelliere del Reich, furono assassinate 71 persone, ma si stima che il totale delle vittime sia stato tra le 150 e le 200, e solo di 85 di esse si conosce il nome.

In un colpo solo Hitler fa strage dei suoi avversari interni ed esterni. L’intera operazione durerà tre giorni, e dalla Baviera arriverà fino a Berlino e in altre città della Germania.