E’ in vendita il pub più isolato di tutto il Regno Unito: un luogo dal ‘profumo’ medievale [FOTO]

Ha vista panoramica sulla baia e anche un eliporto: il pub è cottage dalle pareti bianche costruito nel 1880, con una capacità di 65 posti a sedere, acquistato quasi dieci anni fa da un belga

/

Il pub più isolato del Regno Unito, “The Old Forge“, che confina con Loch Novis all’estremità della penisola di Knoydart, può essere raggiunto solo dopo una gita in barca di mezz’ora o due giorni di cammino dal villaggio più vicino, attraverso gli aspri paesaggi delle Highlands, in una zona considerata “l’ultimo deserto” del paese. “È più di un semplice pub e un posto dove mangiare e bere“, ha dichiarato Stephanie Harris, 31 anni, residente del villaggio. “È un luogo di ritrovo della comunità, un luogo in cui residenti e visitatori possono incontrarsi”. Stephanie, che vive nel paesino di 90 abitanti da quando aveva due anni, ricorda quel pub come uno dei luoghi cruciali della sua vita: “abbiamo festeggiato i compleanni lì, abbiamo fatto le feste di Halloween e tante cose del genere”.

Con una vista panoramica sulla baia e persino un eliporto, il cottage dalle pareti bianche costruito nel 1880 (visibile scorrendo la gallery fotografica in alto), con una capacità di 65 posti a sedere, era stato acquistato quasi dieci anni fa da un belga, Jean-Pierre Robinet, 51 anni. Lo ha messo in vendita all’inizio di quest’anno per 425.000 sterline (oltre 492.000 euro), una somma che i residenti stanno cercando di raccogliere attraverso crowdfunding e fondi pubblici. Negli ultimi anni, i rapporti tra il proprietario e gli abitanti del villaggio si erano deteriorati. Tanto che questi ultimi si trovano ora in una vicina capanna di legno, allestita come un bar che farebbe concorrenza al pub, acquistando le bevande in un negozio locale.

Accusano il proprietario di rifiutarsi di servirli, preferendo, secondo loro, attirare turisti più abbienti nel suo ristorante, per far pagare i prezzi londinesi, invece che che coltivare lo spirito di comunità. Inoltre, si lamentano perché il pub chiude in inverno, quando la gente del posto ha bisogno di un luogo caldo dove rilassarsi. E non c’è alternativa, nessuna strada di terra che porta a Inverie. Per Jo Firminger, 60 anni, dirigente d’azienda in pensione, membro del comitato istituito per rilevare il pub, non c’è dubbio che il locale debba tornare ad essere “il centro della comunità“.

Non sarebbe la prima volta per Inverie, i cui alloggi turistici, ufficio postale e orto comunitario sono già gestiti dalla comunità locale, con l’aiuto della Fondazione Knoydart, che possiede gran parte della penisola. In sua difesa, Jean-Pierre Robinet spiega ai giornali che voleva concentrarsi sul ristorante perché lui stesso è un ex cuoco e che la regione è piena di prodotti freschi di qualità, come frutti di mare e selvaggina. “È una buona idea per la comunità riacquistare il pub, purché tengano i piedi per terra e riconoscano che ciò che offre un buon reddito al giorno d’oggi è il cibo e non solo le bevande“, insiste.

Spiega la vendita del pub per motivi familiari e l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, argomento molto controverso nel Paese. “So quanto sia importante in Europa essere più forti insieme, essere tolleranti e aperti al mondo. Quindi, se rimane così, sarebbe fantastico per la comunità (locale) acquistare il pub e mantenere quello spirito “, ha precisato ma insistendo: “È importante accogliere i turisti così come se fossero tuo fratello e tua sorella, o la gente del posto”.