Crisi energetica nel Regno Unito: l’impennata dei prezzi del gas potrebbe provocare presto carenze di cibo e bevande

La stretta sull’industria della trasformazione alimentare nel Regno Unito è tra gli effetti più visibili dell’impennata dei prezzi del gas naturale

MeteoWeb

Il governo britannico sta correndo per evitare carenze di carne, pollame e alimenti confezionati nel mezzo di una crisi nell’industria della trasformazione alimentare, innescata dall’impennata dei costi dell’energia. Il Segretario Kwasi Kwarteng ha dichiarato che spera di raggiungere un accordo con il principale fornitore del Regno Unito dell’anidride carbonica alimentare per ripristinare le forniture del gas utilizzato per stordire gli animali prima della macellazione, per conservare frutta e verdura prima del confezionamento e per frizzare le bevande gassate.

Kwarteng è in trattativa con CF Industries, che la scorsa settimana ha fermato le operazioni presso i suoi impianti nel Regno Unito a causa dell’alto prezzo del gas naturale. 4 piccoli fornitori di energia hanno fallito negli ultimi mesi e il governo britannico è in trattativa con aziende più grandi per assicurare gas ed elettricità ai clienti quest’inverno, se altri fornitori dovessero fallire.

La stretta sull’industria della trasformazione alimentare nel Regno Unito è tra gli effetti più visibili dell’impennata dei prezzi del gas naturale mentre l’economia globale si riprende dalla pandemia di Covid-19, aumentando la domanda di energia. I prezzi del gas all’ingrosso sono triplicati quest’anno nel Paese.  Il governo è anche sotto pressione per proteggere i consumatori dall’aumento vertiginoso dei costi energetici in un momento in cui le ripercussioni della pandemia stanno già mettendo a dura prova i bilanci delle famiglie britanniche.

CF Industries, che genera anidride carbonica come sottoprodotto della produzione di fertilizzanti, ha annunciato il 15 settembre che stava interrompendo la produzione presso due impianti nel Regno Unito, affermando di non avere stime su quando la produzione potrà riprendere. Si è fermata, così, la maggior parte della fornitura di anidride carbonica all’industria alimentare e delle bevande del Regno Unito. Kwarteng ha dichiarato che il governo sta discutendo una serie di opzioni per rafforzare le forniture di anidride carbonica, come finanziare la produzione di CF Industries.

A meno di un rapido accordo, i clienti inizieranno a notare carenze in circa 10 giorni, ha affermato Ian Wright, direttore generale della Food and Drink Federation. Il sistema di fornitura just-in-time che è alla base sia dei supermercati che del settore alberghiero è sotto grande pressione, ha detto Wright. “È una vera crisi”. La produzione suina e di pollame probabilmente inizierà a calare entro la fine di questa settimana: la mancanza di CO₂ potrebbe impedire ai mattatoi di processare gli animali. Scaffali vuoti, dove normalmente si trovano le bibite gassate, iniziano ad apparire un po’ ovunque nei supermercati di Londra.

I prezzi per il gas stanno aumentando notevolmente anche altrove in Europa a causa dell’esaurimento delle scorte, della concorrenza con l’Asia per il gas naturale liquefatto e delle basse forniture dalla Russia. Ma il problema è particolarmente acuto nel Regno Unito, dove la crisi della fornitura è stata esacerbata dalla mancanza di grandi impianti di stoccaggio e da una produzione nazionale notevolmente più bassa quest’anno.