Vaccini anti-Covid, le autorità sanitarie USA frenano sulla terza dose: ok forse solo per Pfizer e alcune categorie

FDA e CDC hanno suggerito alla Casa Bianca di ridimensionare il suo piano sulla terza dose a partire da settembre, spiegando che potrebbero essere in grado di determinare nelle prossime settimane se raccomandarla solo per chi ha ricevuto il vaccino Pfizer e probabilmente solo per alcune categorie

MeteoWeb

Meno di tre settimane fa, il Presidente statunitense Joe Biden aveva annunciato che, previa autorizzazione della FDA, il governo dal 20 settembre avrebbe offerto la terza dose dei vaccini anti-Covid Pfizer e Moderna, e probabilmente anche di Johnson&Johnson, partendo dalle categorie piu’ vulnerabili. Ma ora le massime autorita’ sanitarie del Paese (FDA e CDC) frenano.

FDA e CDC hanno suggerito alla Casa Bianca di ridimensionare il suo piano sulla terza dose a partire da settembre, spiegando che potrebbero essere in grado di determinare nelle prossime settimane se raccomandarla solo per chi ha ricevuto il vaccino Pfizer e probabilmente solo per alcune categorie. Le autorita’ regolatorie, insomma, hanno fatto sapere di avere bisogno di piu’ tempo per raccogliere ed esaminare tutti i dati necessari.

Ora Biden, che ha sempre detto di voler ascoltare i consigli degli scienziati, sara’ costretto probabilmente a frenare la campagna, iniziandola forse solo con Pfizer.

Vaccini anti-Covid, per il CDC la terza dose è un “atto di fede”: “abbiamo speranza ma non dati sull’efficacia”

In Europa, intanto, l’azienda Moderna ha presentato all’EMA i dati per la richiesta di approvazione per la terza dose.