Soccorso Alpino: due interventi per un biker infortunato a San Giuseppe Jato e per una turista ferita a Piano Battaglia

Domenica 2 gennaio, i tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano, stazione di Palermo, sono intervenuti quasi in contemporanea a San Giuseppe Jato e Piano Battaglia

/
MeteoWeb

Prime uscite dell’anno per i tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano, stazione di Palermo, intervenuti quasi in contemporanea per recuperare un biker che si era infortunato nelle campagne di San Giuseppe Jato e una turista ferita a Piano Battaglia.

Nella tarda mattinata di oggi V. B., 55 anni, di San Cipirello, stava percorrendo una strada sterrata particolarmente accidentata nella zona di contrada Dammusi quando ha perso il controllo della bicicletta cadendo e procurandosi una sospetta frattura della spalla sinistra. I suoi compagni hanno dato l’allarme tramite il NUE 112 che, tramite il 118, ha allertato il Soccorso Alpino. Sul posto sono arrivati sei tecnici del SASS con un mezzo di servizio, hanno immobilizzato il ferito, lo hanno imbarellato e, a bordo di un fuoristrada, lo hanno trasferito sulla strada dove ad attenderli c’era un’ambulanza del 118 che lo ha preso in carico per trasportarlo al Policlinico di Palermo.

Sempre in tarda mattinata nella località montana di Piano Battaglia, oggi piena di gitanti nonostante la chiusura degli impianti di risalita, R.N.I., 32 anni, romena ma residente ad Acate (Ragusa), mentre scendeva con una paletta su una pista a velocità sostenuta ha perso il controllo, si è girata con la testa a valle ed ha sbattuto ripetutamente sulla neve ghiacciata procurandosi sospetti traumi facciali e cervicali. Immediato l’intervento della squadra, in servizio sul piano in virtù della convenzione con la Protezione civile della Città metropolitana di Palermo per garantire l’assistenza e il soccorso nel comprensorio nei fine settimana durante il periodo di innevamento. I tecnici hanno immobilizzato la donna su una barella trasportandola a bordo del gatto delle nevi fino alla guardia medica che ne ha disposto il trasferimento in ambulanza all’ospedale di Petralia Sottana.