Hubble osserva un “triangolo spaziale” generato da una straordinaria collisione di galassie

Gli astronomi suggeriscono che due galassie si sono incrociate, innescando la tempesta di fuoco, dalla forma unica, di formazione stellare in NGC 2445, dove migliaia di stelle stanno prendendo vita

MeteoWeb

Una spettacolare collisione frontale tra due galassie, nota come Arp 143, ha alimentato l’insolita frenesia di formazione stellare a forma triangolare catturata dal telescopio spaziale Hubble di NASA/ESA. Il duo di galassie interagenti Arp 143 contiene la galassia a spirale distorta NGC 2445, a destra, insieme alla sua compagna meno appariscente, NGC 2444, a sinistra.

Gli astronomi suggeriscono che le due galassie si siano incrociate, innescando la tempesta di fuoco dalla forma unica di formazione stellare in NGC 2445, dove migliaia di stelle stanno prendendo vita. Questa galassia è piena di nuove stelle perché è ricca di gas, la materia prima di cui sono fatte le stelle. Tuttavia, non è ancora sfuggito alle grinfie gravitazionali del suo partner a sinistra. La coppia sta conducendo un “tiro alla fune” cosmico, che NGC 2444 sembra stia vincendo. Questa galassia ha estratto gas da NGC 2445, formando lo strano triangolo di stelle appena prodotte.

NGC 2444 è anche responsabile dell’estrazione di filamenti di gas dalla sua compagna, alimentando le stelle filanti di giovani stelle blu che sembrano formare un ponte tra le due galassie. Queste stelle filanti sono tra le prime in quella che sembra essere un’ondata di formazione stellare iniziata alla periferia della galassia e proseguita verso l’interno. I ricercatori stimano che le stelle filanti siano nate tra 50 milioni e 100 milioni di anni fa. Ma queste stelle infantili vengono lasciate indietro mentre NGC 2445 continua ad allontanarsi lentamente da NGC 2444.

Stelle non più vecchie di un milione o due milioni di anni si stanno formando più vicino al centro di NGC 2445. La visione acuta di Hubble rivela alcune singole stelle, le più luminose e massicce della galassia. La maggior parte dei brillanti ammassi blu sono raggruppamenti di stelle e le macchie rosa sono nubi di gas incandescente che avvolgono giovani e massicci ammassi stellari.

Sebbene la maggior parte dell’azione stia avvenendo in NGC 2445, ciò non significa che l’altro membro della coppia interagente sia uscito indenne. La lotta gravitazionale ha allungato NGC 2444 in una forma strana, trascinando il gas lontano dalla galassia. NGC 2444 contiene vecchie stelle e nessuna nuova nascita stellare perché ha perso il suo gas molto tempo fa, molto prima di questo incontro galattico.

A parte la formazione stellare in NGC 2445, un’altra caratteristica interessante che Hubble ha scoperto sono i filamenti scuri di gas nel nucleo luminoso della galassia. Tali caratteristiche potrebbero essere state formate da esplosioni di materiale. Le osservazioni radio rivelano una potente fonte nel nucleo che potrebbe essere la punta di diamante delle esplosioni. La radiosorgente potrebbe essere stata prodotta da un’intensa formazione stellare o da un buco nero che ha inghiottito materiale che scorreva al centro.

Non è raro che la formazione stellare avvenga nei nuclei delle galassie, guidata dalle interazioni. Al centro scorre molto gas proveniente dagli incontri galattici, che può innescare la nascita di nuove stelle. I deflussi da queste stelle possono espellere materiale, ma la polvere creata da queste esplosioni ricopre il nucleo e altre regioni di NGC 2445, rendendo difficile per Hubble lo studio nella luce visibile.

Tuttavia, il telescopio spaziale James Webb della NASA/ESA/CSA avrà la visione a infrarossi per scrutare attraverso la polvere che copre queste regioni per rivelare i giovani ammassi stellari che sono nascosti alla vista nelle immagini di luce visibile. In questo modo, Hubble e Webb forniranno il censimento completo delle stelle in NGC 2445. Il censimento aiuterà gli astronomi a rispondere a domande come quale sia il tasso di formazione stellare, quanto tempo impiegano le stelle a formarsi e se l’esplosione stellare in NGC 2445 sta svanendo o si sta scaldando.

Lo studio di giovani e massicci ammassi stellari ancora incorporati nei loro bozzoli di polvere e gas è importante per capire come la formazione stellare influenzi l’evoluzione delle galassie. Stelle enormi che esplodono come supernove arricchiscono il loro ambiente con elementi chimici più pesanti dell’idrogeno e dell’elio.

Il sistema Arp 143 è elencato in un compendio di 338 galassie interagenti dall’aspetto insolito chiamato “Atlas of Peculiar Galaxies” pubblicato nel 1966 dall’astronomo Halton Arp.