Covid, in Corea del Sud 521.164 contagiati e 402 morti negli ultimi due giorni: situazione fuori controllo nel Paese con più vaccinati al mondo

Covid, il paradosso della Corea del Sud: ha il record mondiale di vaccinati, ma sta registrando drammatici numeri di contagi, ricoveri e decessi come mai era accaduto prima nei due anni di pandemia

MeteoWeb

Dopo il Giappone, anche la Corea del Sud si trova a fare i conti con l’ondata di contagi provocata dalla variante Omicron: nel Paese asiatico in cui vivono 51 milioni di persone la situazione epidemiologica è fuori controllo, al punto che soltanto negli ultimi due giorni (ieri e oggi) sono stati accertati 521.164 nuovi casi positivi, precisamente 254.326 oggi e 266.838 ieri. Si tratta dei record assoluti dall’inizio della pandemia, dove il governo coreano era riuscito a contenere i contagi senza misure troppo restrittive grazie alla strategia dei tamponi a tappeto. La Corea del Sud, in meno di una settimana, ha scalato la triste “classifica” dei Paesi con il più alto numero di contagiati: dal 41° posto è risalita all’attuale 20°, preceduta dall’Ucraina che però da dieci giorni non fornisce più i dati a causa dello scoppio della guerra, e nei prossimi giorni con questo ritmo entrerà agevolmente nella top-15 mondiale, diventando il primo Paese asiatico per numero di contagi accertati.

Anche il numero dei morti è cresciuto in modo esponenziale: oggi sono stati 216, record assoluto dall’inizio della pandemia. Ieri erano stati 186, due giorni fa 112, e fino ad avantieri era quello il nuovo record assoluto di decessi giornalieri per Covid-19 nel Paese. In 48 ore, il numero dei morti giornalieri è più che raddoppiato e gli effetti dei contagi record degli ultimi giorni si vedranno sui decessi soltanto tra un paio di settimane.

Eppure la Corea del Sud è uno dei Paesi con più vaccinati in assoluto al mondo: tra i grandi Paesi, è quello in assoluto con più vaccinati con l’87% dell’intera popolazione (quindi compresi i bambini) che ha ricevuto la prima dose, l’86% che ha ricevuto anche la seconda, e il 61% che ha ricevuto anche la terza. Per avere un metro di paragone, nel vicino Giappone l’81% della popolazione ha ricevuto la prima dose, l’80% la seconda e solo il 22% la terza. In Australia l’86% della popolazione ha ricevuto la prima dose, l’80% la seconda dose e il 46% la terza dose. Nella Spagna, che è il Paese con le migliori performance in Europa, l’87% ha ricevuto la prima dose, l’82% ha ricevuto la seconda dose e il 51% ha ricevuto la terza dose. Nel Regno Unito il 78% ha ricevuto la prima dose, il 73% ha ricevuto la seconda dose e il 57% ha ricevuto la terza dose. In Italia l’85% ha ricevuto la prima dose, l’80% ha ricevuto la seconda dose e il 63% ha ricevuto la terza dose. In Francia l’80% ha ricevuto la prima dose, il 78% la seconda dose e il 53% la terza dose.

In tutto il mondo, quindi, non c’è un solo Paese che ha più vaccinati della Corea del Sud con il ciclo completo, eppure questo non è bastato ad evitare che una nuova ondata epidemiologica provocata da una nuova variante abbia provocato lo scenario peggiore dall’inizio della pandemia:

contagi corea del sud

morti corea del sud