Terremoto Marche: la regione chiede lo stato di emergenza

Il terremoto registrato intorno alle 7 di mattina del 9 novembre 2022 ha raggiunto una magnitudo di 5.7: è la scossa più forte mai registrata nella costa settentrionale marchigiana da quella del 1930

MeteoWeb

Questa mattina il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli ha inviato la richiesta dello stato di emergenza per il sisma iniziato lo scorso 9 novembre, sulla costa marchigiana settentrionale, ed ancora in corso. Come anticipato durante il Consiglio regionale lo scorso giovedì, appena terminata una prima ricognizione si è proceduto ad inviare la richiesta, informa una nota.

Lo stato di emergenza, aveva spiegato lo stesso Acquaroli in aula, deve essere suffragato da dati precisi e dettagliati per rappresentare lo stato della situazione a seguito delle scosse. La prima fase della ricognizione si è completata lo scorso fine settimana e oggi si è proceduto ad inviare la richiesta al ministro per la Protezione civile e le Politiche del mare Nello Musumeci e al capo dipartimento nazionale della protezione civile Fabrizio Curcio.

Le verifiche dei danni sono ancora in corso e i Comuni le stanno facendo pervenire – ha dichiarato il presidente Acquaroli –. In questi giorni continuano ad arrivare le segnalazioni dai territori, anche a seguito del susseguirsi delle scosse che potrebbero ampliare gli effetti dei danneggiamenti segnalati già nelle prime ore. Man mano che le verifiche procedono si contano nuovi danni al patrimonio edilizio privato, pubblico e storico-culturale, alle strutture ed infrastrutture pubbliche, segnalati da molti Comuni in tutte le aree maggiormente colpite. Non appena sarà disponibile, trasmetteremo la ricognizione completa dei danneggiamenti e la documentazione più di dettaglio“.

Nella lettera trasmessa a Roma, Acquaroli evidenzia come l’andamento del sisma, ancora in corso, stia determinando “conseguenze e ripercussioni sul territorio tali da dover richiedere risorse e poteri straordinari” previsti per gli stati di emergenza. “L’evento sismico registrato intorno alle 7 di mattina del 9 novembre 2022 – viene ricordato – ha raggiunto una magnitudo di 5.7: è la scossa più forte mai registrata nella costa settentrionale marchigiana da quella del 1930. L’epicentro del terremoto è stato localizzato al largo della costa delle Marche settentrionali, nella zona del Mar Adriatico davanti a Pesaro e Fano“.

Il governatore ha illustrato la sequenza sismica che si sta registrando, evidenziando come lo sciame sismico sia ancora in atto: “Nella mattinata del 20 novembre è stata registrata una scossa di magnitudo 4,3. Nell’immediatezza dell’evento il Sistema regionale di protezione civile si è prontamente attivato, la Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile ha avviato immediatamente il necessario raccordo operativo con le componenti territoriali e le strutture operative del Servizio nazionale della protezione civile“.

Il plauso del sindaco di Fano alla Regione

Il sindaco di Fano (Pesaro Urbino) Massimo Seri plaude all’iniziativa di Acquaroli con quale è stato richiesto lo stato di emergenza dopo gli eventi sismici del 9 novembre. “Accogliamo positivamente il fatto che il presidente della Regione Marche Acquaroli abbia chiesto lo stato di emergenza. – scrive in una nota – Questo è il primo passo affinché possano arrivare dal Governo le risorse economiche per ripristinare il patrimonio pubblico e privato. Non c’è tempo da perdere”. “Lo abbiamo rimarcato anche nella riunione di venerdì 18 novembre con tutti i Comuni colpiti, – conclude – poiché siamo consapevoli che senza il sostegno del Governo non abbiamo le forze per intervenire sulle strutture danneggiate“.

Ricci: “era ora che venisse chiesto stato lo emergenza”

Era ora. Bene che il Presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli abbia chiesto lo stato d’emergenza. Ora lavoriamo insieme per ottenere le risorse per i tanti danno subiti dagli immobili pubblici e privati“. Lo ha dichiarato il sindaco Pd di Pesaro Matteo Ricci, commentando c la notizia della richiesta da parte della Regione Marche, dello stato di emergenza per il sisma che ha colpito il territorio lo scorso 9 novembre.