Accadde oggi: il 6 aprile del 2009 il terremoto devasta l’Aquilano [GALLERY]

  • LaPresse - L'Aquila 2009
    LaPresse - L'Aquila 2009
  • LaPresse
    LaPresse
  • L'Aquila 2009 - LaPresse
    L'Aquila 2009 - LaPresse
  • L'Aquila 2009 - LaPresse
    L'Aquila 2009 - LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • L'Aquila 2009 - LaPresse
    L'Aquila 2009 - LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • L'Aquila 2009 - LaPresse
    L'Aquila 2009 - LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse - L'Aquila 2009
    LaPresse - L'Aquila 2009
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
  • LaPresse
    LaPresse
/
MeteoWeb

Il 6 aprile ricorre l’anniversario del devastante sisma che colpì L’Aquila e le località vicine nel 2009. Il terremoto, di magnitudo momento (Mw) 6.3 e magnitudo Richter (Ml) 5.8, avvenne alle ore 3.33, in piena notte.

L’epicentro della scossa più forte a pochissima distanza dalla città de L’Aquila, in Abruzzo. L’impatto del sisma sulla antica città abruzzese e su tanti paesi, borghi e località vicine, fu devastante. Nei crolli avvenuti nella notte persero la vita oltre 300 persone (309 contando anche i feriti deceduti in seguito). Oltre 1600 furono i feriti, ed 80.000 gli sfollati. venne colpita al cuore la città de L’Aquila, sia nel centro storico antico che in periferia, dove vennero danneggiate e distrutte anche edifici e strutture di più recente costruzione. Uno dei crolli rimasti emblematici di quel terremoto fu quello della Casa dello Studente, dove dormivano decine di studenti universitari.

LaPresse
LaPresse

Il sisma de L’Aquila è stato uno dei più devastanti della storia recente d’Italia, il più pesante in termini di vittime e danni da quello dell’Irpinia del 1980.

Ancora una volta l’Italia si trovò a piangere morti che potevano essere evitate: da tempo infatti si conosceva l’elevata sismicità di quell’area, ma l’edilizia si mostrò del tutto inopportuna a resistere a un terremoto di quelle proporzioni. In certi casi addirittura per via di costruzioni realizzate illegalmente e senza seguire i criteri antisismici stabiliti per legge. Un altro elemento che ha tenuto banco per molti anni a seguito di quella catastrofe, furono le rassicurazioni alla popolazione da parte della Commissione Grandi Rischi, proprio alla vigilia del sisma: un fatto diventato poi un caso giudiziario di eco internazionale.

Anche la ricostruzione della città (ancora in corso e in certemolte aree del tutto incompiuta) è stata al centro di una vera e propria bufera, costellata di indagini, inchieste, rinvii a giudizio, proteste da parte della popolazione per la mancata ricostruzione.

A partire dall’8º anniversario, nel 2017, il ricordo del sisma de L’Aquila si fonde con il più recente e ugualmente doloroso ricordo del terremoto che dal 24 agosto 2016 ha colpito la zona di Amatrice, Visso e Norcia, fra L’Umbria, il Lazio e le Marche. Un dolore che deve però spronarci a cambiare l’Italia, metterla in sicurezza da futuri eventi sismici che sicuramente un giorno torneranno a colpirla, in qualsiasi punto del suo territorio così geologicamente inquieto.