Aereo russo precipitato nel mar Nero, addio al glorioso Coro dell’Armata Rossa: tutti morti [GALLERY]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

C’erano anche 64 membri del celebre Coro dell’Armata Rossa a bordo del Tupolev militare russo precipitato nella notte nel Mar Nero. E’ il coro ufficiale delle forze armate russe, fondato nel 1928, e noto anche come Alexandrov Ensemble, dal nome del suo primo direttore, Alexander Vasilyevich Alexandrov, che compose la musica dell’inno nazionale dell’Unione sovietica. Il gruppo include anche un’orchestra e un corpo di ballo. Alexandrov mori’ nel 1946 ma la banda militare – particolarmente apprezzata da Stalin – e’ sopravvissuta fino ad oggi, passando tutte le vicissitudini storiche della Russia. Dopo la caduta dell’Urss, il complesso ha cambiato nome in Coro dell’Esercito russo, ma conserva la tradizionale e celebre denominazione di Coro dell’Armata Rossa. Oggi e’ conosciuto in tutto il mondo. Nel 2004 il Coro si esibi’ in Vaticano per i 26 anni del pontificato di Giovanni Paolo II. Nel 2013 accompagno’ Toto Cutugno al Festival di Sanremo. Tra le vittime del disastro aereo, figura anche un dirigente del coro, Vale’ri Khalilov.