Inaugurato il maxi aeroporto di Istanbul, destinato a diventare il più grande del mondo [GALLERY]

  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
/
MeteoWeb

Thyssenkrupp Elevator ha fornito 143 ponti d’imbarco passeggeri e 4 ascensori nel nuovo maxiaeroporto di Istanbul, Grand Airport. Una commessa da 22,15 miliardi di euro per migliorare la circolazione di circa 200 milioni di passeggeri all’anno a pieno regime, una volta completate le 4 fasi previste, entro il 2023.

La prima fase è stata inaugurata alla presenza del Presidente Erdogan e prevede la possibilità di gestire 90 milioni di persone. L’aeroporto, destinato a diventare il più grande del mondo, occupa un’area di 50km2 alla quale hanno lavorato 33.000 persone, con i quali hanno collaborato i 50 tecnici esperti di thyssenkrupp per garantire l’efficienza e la sicurezza nei processi di imbarco e sbarco passeggeri e rendere più fluida la circolazione.

“Questo progetto rappresenta uno dei più importanti realizzati in Medio Oriente” – afferma Andreas Schierenbeck, CEO thyssenkrupp Elevator – “Grazie al lavoro dei nostri team multidisciplinari e alla nostra ampia esperienza nelle soluzioni aeroportuali, siamo riusciti a consegnare in 27 mesi, tutti gli impianti, realizzati nello stabilimento di Mieres in Spagna”.