Allerta Meteo al Sud, il ciclone diventa tropicale nell’alto Jonio: venerdì e sabato da incubo per il Salento [FOCUS]

  • Tempesta nel Salento
    Tempesta nel Salento
  • Tempesta nel Salento
    Tempesta nel Salento
  • San Ferdinando di Puglia
    San Ferdinando di Puglia
  • San Ferdinando di Puglia
    San Ferdinando di Puglia
  • Puglia
    Puglia
  • Puglia
    Puglia
  • San Ferdinando di Puglia
    San Ferdinando di Puglia
  • San Gregorio - Salento
    San Gregorio - Salento
  • Forte pioggia a Martina Franca
    Forte pioggia a Martina Franca
  • San Ferdinando di Puglia
    San Ferdinando di Puglia
/
MeteoWeb

Il maltempo provocato dal ciclone che continua ad imperversare da ormai oltre tre giorni al Sud Italia si sta intensificando in queste ore, soprattutto in Puglia che è la Regione più colpita e che sta già riscontrando particolari criticità. Le precipitazioni più abbondanti si stanno verificando nel settore più meridionale del Salento, dove il parziale pluviometrico giornaliero è salito agli attuali 67mm di Taurisano e 65mm di Morciano di Leuca, quantitativi estremamente rari per quest’area dell’Italia, il “tacco” della nostra Penisola, completamente pianeggiante tra l’alto Jonio e il basso Adriatico.

Nelle prossime ore, la situazione diventerà ancora più pesante proprio per il Salento. Il ciclone, infatti, con ogni probabilità evolverà in tempesta tropicale nell’alto Jonio tra venerdì pomeriggio e sabato mattina. Il maltempo si intensificherà sensibilmente già da venerdì mattina, con forti temporali in tutto il Golfo di Taranto e piogge abbondanti nel Salento, in estensione al resto della Puglia, alla Basilicata e alla Calabria jonica settentrionale. Contemporaneamente avremo forti piogge e temporali nel basso Tirreno, tra Calabria e Sicilia per la “ritornante” bassa del ciclone. In questa fase, soprattutto tra palermitano e messinese, nella zona di Cefalù e Capo d’Orlando, si potranno verificare piogge torrenziali.

Nel pomeriggio di venerdì il maltempo continuerà in tutto il basso Tirreno, tra Calabria e Sicilia, ma soprattutto si intensificherà nell’alto Jonio dove il ciclone prenderà forma e attiverà venti impetuosi, probabilmente superiori ai 100km/h, tra il Salento e la Calabria jonica settentrionale. Qui si inizierà a fare sul serio con piogge alluvionali nel Salento e venti impetuosi in tutto l’alto Jonio, con conseguenti furiose mareggiate sulle coste esposte, in modo particolare tra Sibari e Punta Alice. Il clou delle precipitazioni e del maltempo più violento nel Salento sarà tra venerdì sera e sabato mattina: 18 ore di pioggia torrenziale, con alto rischio di eventi alluvionali in tutto il settore meridionale salentino, praticamente da Lecce in giù. In questa zona sono già caduti oltre 120130mm negli ultimi tre giorni, ma tra venerdì e sabato potranno cadere quantitativi spaventosi, forse addirittura di oltre 200mm, per un totale settimanale vicino ai 350mm, con pesantissime conseguenze sul territorio.

Il maltempo continuerà sabato anche su Marche meridionali, Abruzzo, Molise, resto della Puglia, zone interne di Lazio e Campania, Basilicata e nel basso Tirreno tra Calabria e Sicilia.

Maltempo anche domenica, ma in attenuazione sul Salento e nelle zone joniche. Persisterà comunque instabilità diffusa e marcata, che secondo gli ultimi aggiornamenti si prolungherà anche per tutta la prossima settimana. Ma al momento è opportuno non spingersi troppo oltre nelle previsioni, vista anche l’urgenza della situazione di pericolo imminente nel Salento (e non solo). Ecco le pagine utili per monitorare la situazione in tempo reale: