Allerta Meteo, violento Uragano Artico sta per abbattersi sull’Italia nel 1° weekend di questo… “Maggennaio”!

Allerta Meteo, forte maltempo sull'Italia nel primo weekend di un Maggio che sembra Gennaio: venti da Uragano e aria fredda proveniente dall'Artico nelle prossime ore

/
MeteoWeb

Allerta Meteo – Chiamiamolo “Maggennaio”, questo mese di Maggio che sembra Gennaio: anche oggi, Sabato 4, imperversa il maltempo su gran parte d’Italia con temperature invernali. A Roma sta piovendo con appena +12°C, a Napoli sta diluviando con appena +13°C, temporali stanno interessando il basso Tirreno tra Calabria e Sicilia con piovaschi su Palermo dove ci sono +16°C, piove anche al Nord con +13°C a Trento, Udine e Trieste, +14°C a Milano, Verona e Venezia, +15°C a Genova e Bologna.

Ma il maltempo si intensificherà in tutto il Paese nelle prossime ore. Nel pomeriggio/sera di oggi avremo forti temporali al Nord/Est , soprattutto in Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia con abbondanti nevicate sulle Alpi, in montagna. Altre piogge colpiranno il Centro/Sud, soprattutto su Marche, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata e Calabria. Ma sarà domani, Domenica 5 Maggio, il giorno “clou” in cui arriverà l’attesa irruzione Artica che farà crollare le temperature in tutt’Italia. Nella notte, infatti, si alzeranno impetuosi venti di tramontana e bora su tutto il Nord Italia: sembrerà un vero e proprio “Uragano Artico”, accompagnato da violenti temporali. E’ alto il rischio di violenti tornado in pianura Padana all’alba di domani mattina: i venti supereranno i 110120km/h su tutte le Regioni settentrionali, tra le Alpi e la pianura Padana, con picchi di 130140km/h in Liguria, sul Lago di Garda e in Veneto. Durante la mattinata di Domenica un impetuoso ponente sferzerà il mar Tirreno con raffiche fino a 100km/h tra Sardegna e Lazio, in estensione a tutto il Centro/Sud nel corso della giornata. Le temperature crolleranno in tutto il Paese, tanto che le temperature massime di domani in pianura Padana, tra Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna, gran parte della Lombardia e persino al Centro in Toscana e Umbria, non supereranno i +6/+7°C neanche su coste e pianure. Invece in Piemonte ci sarà un po’ di foehn che porterà Torino a +13/+14°C, mentre al Sud fino al primo pomeriggio il clima sarà ancora mite con +21/+22°C in Puglia e +20°C nelle zone joniche di Calabria e Sicilia. Bari, Brindisi, Lecce, Taranto, Crotone e Siracusa saranno le città più calde con temperature massime superiori ai +20°C, ma persino Pescara e Termoli arriveranno a +18/+19°C mentre sul versante tirrenico a Roma la temperatura massima non andrà oltre i +12/+13°C.

Il maltempo sarà particolarmente violento al Nord. Sin dalle prime ore del mattino, violenti temporali colpiranno Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Liguria ed Emilia Romagna, in rapida estensione a Toscana, Umbria e Marche nel corso della mattinata. Nel pomeriggio i fenomeni più estremi si concentreranno su Romagna, Marche, Umbria e Lazio. Sarà una Domenica di maltempo anche nel basso Tirreno tra Campania e Calabria, con piogge alimentate dallo “stau” mentre – appunto – su Puglia e zone Joniche, splenderà il sole e farà caldo.

Le precipitazioni più abbondanti interesseranno la Romagna e le Marche, con picchi di 150mm giornalieri sulle colline al confine tra le due Regioni. La neve cadrà copiosa fino a bassa quota. Non in pianura, quindi non a Bologna e Verona come ipotizzato in precedenza su MeteoWeb, ma comunque fino alla bassa collina, localmente fino ai 300400 metri di quota, con fenomeni di simil-neve, gragnolate e pioggia mista a neve fin in pianura. L’appennino tosco/emiliano e umbro-marchigiano sarà letteralmente sommerso dalla neve oltre i 500600 metri di quota, e nevicherà copiosamente anche in Liguria, soprattutto sull’Appennino ligure con accumuli nevosi davvero consistenti fino a quote bassissime in provincia di Genova, La Spezia, Alessandria, Pavia, Piacenza, Parma e Massa e Carrara.

Forti grandinate colpiranno molte località, soprattutto al Nord/Est e in Emilia Romagna.

Il maltempo si sposterà al Centro/Sud soltanto dopodomani, Lunedì 6 Maggio, con forti piogge e temporali su Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia. Le temperature crolleranno rapidamente tanto che tornerà la neve sulle montagne del Sud fino ai 1.200/1.400 metri di altitudine, come se fossimo in pieno inverno. Proprio Lunedì tornerà a splendere il sole al Nord, ma farà freddo con estese e diffuse gelate fino a quote bassissime all’alba, in alcuni casi anche in pianura. Soltanto Martedì 7 tornerà a splendere il sole in tutt’Italia con temperature nuovamente in aumento anche al Centro/Sud.

Ecco le pagine utili per seguire la situazione meteo in tempo reale, in modo particolare con i nuovi radar meteo aggiornati:

Previsioni Meteo, bollettini, allerte e notizie di scienza con l’APP di MeteoWeb per iPhone e iPad: click qui per scaricarla dall’App Store

Previsioni Meteo, bollettini, allerte e notizie di scienza con l’APP di MeteoWeb per tutti i dispositivi Android: click qui per scaricarla da Google Play