Allerta Meteo, grande ondata di gelo imminente tra Balcani e Sud Italia: tanta neve e temperature fino a -15°C sotto le medie [MAPPE]

/
MeteoWeb

Allerta Meteo – Il 2019 è iniziato con la forte irruzione di una massa d’aria artica sulla metà orientale del Vecchio Continente, che interesserà l’Europa centro-orientale, i Balcani, parti del Mediterraneo e dell’area della Turchia e del Mar Nero. Da domani, 3 gennaio, sono attesi giorni molto freddi su queste aree con le temperature che saranno localmente di oltre 10°C inferiori alla norma. Diamo uno sguardo, giorno per giorno, all’evoluzione di questa ondata di gelo fino a domenica 6 gennaio, giorno dell’Epifania.

La persistente dorsale sull’Europa occidentale si rafforza significativamente e si espande sul Nord Atlantico, risultando in un flusso meridionale che dall’area artica si incanala verso sud. Una depressione molto profonda si sviluppa sull’Europa nordorientale e spinge un forte fronte freddo verso i settori centro-orientali del continente e verso la Penisola Balcanica. Una massa d’aria estremamente fredda con temperature di oltre 10°C inferiori alla media si diffonderà nella giornata di domani, giovedì 3 gennaio, su Balcani, Adriatico e Centro/Sud dell’Italia. Venerdì 4 gennaio, l’avvezione fredda si intensificherà e colpirà ancora la stessa area con temperature persino più fredde, con possibili 12°C in meno rispetto alla media. Tra sabato 5 e domenica 6 gennaio, la massa d’aria più fredda si diffonderà sulla Penisola Balcanica meridionale e sui settori meridionali e sudorientali del Mediterraneo, arrivando ad interessare anche Libia e Tunisia.

Un effetto orografico del flusso settentrionale/nordorientale sui Balcani dovrebbe portare molta neve sulle parti occidentali e meridionali della penisola: Bosnia Erzegovina, Serbia, Montenegro e Macedonia, ma soprattutto Grecia, come mostrano le mappe contenute nella gallery a corredo dell’articolo. Un altro risultato della massa d’aria artica in arrivo nell’area mediterranea sarà l’Adriatic Effect Snow (letteralmente “effetto neve del Mare Adriatico”) sul Nord Adriatico e sul Centro/Sud dell’Italia. Si tratta di condizioni nevose che si verificano a causa del transito di masse d’aria molto fredda sulla superficie più tiepida dell’Adriatico. Sull’area sono attesi da 5 a 30cm di neve nei prossimi 3-4 giorni. Tuttavia, in alcune località con le nevicate più intense, come parti degli Appennini centrali, potrebbero accumularsi fino a 50cm di neve! Forti e freddi venti dei livelli medio-bassi dell’atmosfera porteranno temperature percepite molto basse in alcune aree, probabilmente di -20°C! Localmente, potrebbero svilupparsi anche forti venti di Bora sull’Adriatico orientale.

Nei prossimi giorni, l’ondata d’aria artica porterà anche persistenti nevicate per effetto stau sulle Alpi settentrionali. I venti settentrionali produrranno pesanti nevicate: la neve cadrà inizialmente sui 400-600m di altitudine fino a raggiungere elevazioni minori. Queste nevicate dovrebbero persistere fino alla fine della settimana.

Quando la depressione raggiungerà l’Europa sudorientale e il Mediterraneo, sarà possibile la formazione di un profondo ciclone che porterà un sistema frontale verso la Turchia. Sulle sue aree costiere, è attesa molta pioggia (possibili 200-300mm) mentre nell’entroterra si attende molta neve sulle elevazioni quando la massa d’aria artica si diffonderà sull’area. Localmente, saranno possibili oltre 50cm di neve.

Ecco le pagine utili per seguire la situazione meteo in tempo reale:

Previsioni Meteo, bollettini, allerte e notizie di scienza con l’APP di MeteoWeb per iPhone e iPad: click qui per scaricarla dall’App Store

Previsioni Meteo, bollettini, allerte e notizie di scienza con l’APP di MeteoWeb per tutti i dispositivi Android: click qui per scaricarla da Google Play

Previsioni Meteo Gennaio, improvviso stratwarming in corso: ecco perché sarà un mese polare in Europa [MAPPE e DETTAGLI]