Alluvione Costa Azzurra: proseguono le ricerche dei dispersi [FOTO]

  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
  • LaPresse/MaxPPP
    LaPresse/MaxPPP
/
MeteoWeb

La protezione civile avverte però che vi sono poche speranze di trovare i dispersi ancora in vita

Proseguono le ricerche dei quattro dispersi in Costa Azzurra dopo le inondazioni che hanno colpito il sud della Francia causando la morte di 17 persone. La protezione civile avverte però che vi sono poche speranze di trovare i dispersi ancora in vita. Due dei dispersi sono stati identificati dai servizi di soccorso: uno si trova nella città di Mandalieu-la-Napoule, la più colpita dalle piogge e dove sono morte sette persone. Un’altra persona è bloccata in un parcheggio di Cannes reso inaccessibile dal fango. I vigili del fuoco stanno continuando a togliere l’acqua dalle strade mentre i cittadini hanno lavorato tutta la notte per liberare le cantine dal fango. Il presidente francese Francois Hollande, che ieri ha visitato la zona del disastro, ha promesso di dichiarare lo stato di calamità naturale e di pagare un risarcimento adeguato entro tre mesi. Allo stesso tempo, i servizi meteorologici si interrogano sulla possibilità che la catastrofe potesse essere evitata. L’ete pubblico di previsione metereologica, Méteo France, aveva lanciato nei giorni scorsi un allarme arancione, ma i referenti hanno dichiarato che era impossibile prevedere l’intensità “inusuale” della tempesta. Alcuni partiti politici, tra cui i Verdi, hanno chiesto di fornire mezzi più mezzi e tecnologie a Méteo France.