Alluvione in Francia: preoccupazione a Parigi per la piena della Senna, oggi il picco [GALLERY]

  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
  • LaPresse/AFP
    LaPresse/AFP
/
MeteoWeb

La Senna minaccia l’esondazione, e Parigi si prepara a fronteggiare eventuali inondazioni: le intense piogge degli ultimi giorni hanno ingrossato il fiume, che questa mattina alle 6 al ponte di Austerlitz aveva raggiunto un picco di piena di 5,69 metri, mentre ieri era di 5,62 metri.

Il picco della piena della Senna è previsto oggi, anche se le previsioni stimano che i livelli del fiume saranno inferiori al record del 2016: i livelli hanno continuato a crescere tra venerdì e sabato e le stime per oggi vanno da 5,80 a 6,20 metri. “Più ci avviciniamo all’evento più si potrà ridurre questa incertezza” e la piena si attesterà probabilmente “tra 5,80 e 6 metri“, ha spiegato François Duquesne, direttore di Vigicrues, il servizio di prevenzione.

Si potrebbe quindi superare, anche se di poco, il livello dell’alluvione del 2016 (6,10 metri), ma si rimarrebbe lontani dall’alluvione storica del 1910 (8,62 metri).

In via precauzionale la navigazione sul fiume è stata interrotta. La parte centrale della linea C della ferrovia Rer è chiusa fino al 31 gennaio e i principali musei parigini, come il Louvre e il d’Orsay, hanno preso le precauzioni.

All’origine della piena che ha toccato diverse regioni francesi ci sono le forti precipitazioni che hanno interessato il Paese in questi giorni. Particolarmente critica la situazione a Villeneuve-Saint-Georges. I fiumi pressano sugli argini non solo a Parigi, ma in 15 dipartimenti nel nord e nell’est della Francia, che sono ancora in allerta alluvioni. Nel dipartimento centrale di Yonne, poi, una trentina di strade sono state chiuse a causa del rischio allagamenti, che la prefettura ha avvertito potrebbero peggiorare nei prossimi giorni.

Secondo Meteo France il periodo dicembre-gennaio è stato uno dei bimestri più piovosi dal 1900.