Maltempo, violenti temporali sull’Appennino: Basilicata in ginocchio, Matera devastata da un’alluvione lampo [FOTO e VIDEO]

/
MeteoWeb

Maltempo – Violenti temporali pomeridiani stanno colpendo gran parte del Centro/Sud. Come ampiamente previsto, la Regione più colpita è stata la Basilicata dove si sono verificati fenomeni particolarmente violenti sia in provincia di Potenza che nel materano. A Lavello sono caduti 80mm di pioggia, gravi disagi anche a Melfi invasa da acqua e fango, ma la situazione più critica si registra a Matera. La Città dei Sassi è stata letteralmente devastata da un’alluvione-lampo, una bomba d’acqua che ha sommerso gran parte della città. Un camion si è ribaltato a causa del vento impetuoso e diversi rami si sono staccati dagli alberi e sono crollate in strada. Alcune auto hanno avuto incidenti per via degli allagamenti. In particolare, l’acqua ha allagato piazza San Pietro Caveoso, nei rioni Sassi, provocando danni alle strutture di alcuni locali pubblici. Ai bordi di alcune strade della citta’ sono caduti degli alberi: in un caso, un uomo e’ riuscito ad abbandonare la sua auto prima di essere investito. Secondo quanto si e’ appreso dai Vigili del fuoco, su una strada si e’ aperta una fenditura e alcuni tombini hanno ceduto. Nella zona industriale, un autocarro si e’ inclinato sul fianco a causa del forte vento e la copertura di un capannone e’ stata in parte divelta.

Alluvione lampo devasta Matera, le immagini da Piazza San Pietro Caveoso [VIDEO]

Alluvione lampo a Matera, strade trasformate in fiumi in piena [VIDEO]

Altri forti temporali stanno colpendo il Lazio, tanto che sta piovendo anche a Roma. Allagamenti, alberi e rami caduti nella zona dei Castelli romani colpita nel pomeriggio da un forte nubifragio. Diversi gli interventi dei vigili del fuoco nelle varie località dei Castelli soprattutto per rami e alberi caduti o pericolanti.

Un’ondata temporalesca ha interessato anche il Salento nel pomeriggio. I vigili del fuoco del comando provinciale di Lecce segnalano la caduta di alberi sulla Strada Statale 274 Gallipoli – Santa Maria di Leuca, con conseguenti disagi. Le forti piogge hanno causato disagi anche a Torre Lapillo ed a Gallipoli dove il sottopasso ferroviario tra corso Roma e lungomare Guglielmo Marconi e’ allagato e impraticabile. Una tromba d’aria e’ stata segnalata, inoltre, nelle scorse ora nelle campagne tra Taurisano e Ugento, ma non vi sono danni.

Un ragazzo di 24 anni e’ stato colpito da un fulmine e trasportato in ospedale, dove si trova tutt’ora ricoverato, nel corso della violenta ondata diMaltempo che si e’ abbattuta sulla costa ionica salentina, con pioggia battente e una tromba d’aria che da Ugento ha percorso tutto il litorale fino a Porto Cesareo provocando la caduta di alberi e pali della segnaletica e della luce. In particolare, nella localita’ Punta Prosciutto, al confine tra Manduria e Porto Cesareo, un ragazzo di 24 anni che si trovava vicino ad un palo della luce, probabilmente privato, abbattuto dalla violenza del fortunale, e’ stato raggiunto da un fulmine. E’ stato portato da una automedica presso l’ospedale di Manduria, in provincia di Taranto. Sul posto sono intervenuti i carabinieri. In molte zone e’ mancata per un paio d’ore la corrente elettrica per un problema sulla cabina primaria di Galatone (Lecce) gestita da E- distribuzione. Il guasto e’ stato riparato dai tecnici intervenuti sul posto. I vigili del fuoco sono all’opera per rimuovere i detriti caduti sulle strade provinciali e statali e liberare gli scantinati dall’acqua.

Una tromba d’aria ha colpito nel pomeriggio i comuni casertani di Marcianise, Succivo, San Tammaro, e Gricignano d’Aversa, causando danni e allagamenti. I problemi maggiori a Marcianise, dove alcuni alberi secolari sradicati dal forte vento si sono abbattuti sul tetto del tempietto di Santa Veneranda. Esprime tutto il suo rammarico su Facebook il sindaco Antonello Velardi. “E’ un pomeriggio triste per me – scrive – mi arrivano le immagini dei danni provocati a Marcianise dalMaltempo e sono senza parola. Una tromba d’aria si e’ abbattuta ai confini con Gricignano d’Aversa e Succivo, con gravissime conseguenze per lo storico tempietto di Santa Veneranda. La nostra Santa Venere. Il vento fortissimo ha sradicato gli alberi secolari a ridosso della chiesetta, nel cimitero dei colerosi. La tromba d’aria ha anche scoperchiato parte della chiesetta, danneggiando il tetto rifatto da non molto tempo. La furia del tempo ha distrutto una parte significativa della nostra storia. Penso a tutti a marcianisani, e non solo, che sono legati visceralmente a Santa Veneranda e a quel luogo in aperta campagna. Penso al loro dolore”. “Non so che dire ora – prosegue Vilardi – di fronte a questi danni, che cosa possiamo e dobbiamo fare. Chi lo deve fare. Intanto sul posto abbiamo mandato la polizia municipale che ringrazio molto per questo primo intervento. Spero che anche la Chiesa, quella con l’iniziale maiuscola, si renda conto di questa che per Marcianise e’ come una tragedia”. Allagamenti si sono registrati anche nell’agro-aversano.

E il maltempo continuerà anche nelle prossime ore e soprattutto nei prossimi giorni: attenzione nel weekend. Ecco le pagine utili per seguire la situazione meteo in tempo reale: