Alluvione in Francia, la Senna esonda a Parigi: “piena senza precedenti nella storia” [GALLERY]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/

Situazione drammatica in Francia a causa del maltempo: i fenomeni estremi degli ultimi giorni stanno degenerando, e persino la Senna a Parigi sta esondando in più punti della città. Maggio è stato il mese più piovoso di sempre a Parigi da quando, nel 1873, esistono rilevazioni pluviometriche. Migliaia di Vigili del Fuoco sono mobilitati su tutto il territorio colpito dalle alluvioni, nell’area settentrionale del Paese dove migliaia di persone sono evacuate. Dopo il Loiret, a sudest di Parigi, stamattina è nel dipartimento della Seine-et-Marne, a est della capitale francese, la situazione più critica con allerta rossa per le inondazioni. “Si tratta di una piena eccezionale, superiore a quella del 1910” ha avvertito Meteo France, mente Parigi aspetta per stasera l’onda di piena della Senna. Il prefetto della Seine-et-Marne Jean-Luc Marx ha annunciato la chiusura delle scuole di ogni ordine. L’acqua ha invaso le strade di Nemours nel dipartimento del Loiret, dove in 72 ore è caduto l’equivalente di 20 giorni di pioggia, mentre la situazione dei corsi dei fiumi Loing e Ouanne resta “particolarmente preoccupante“, ha detto il prefetto Nacer Meddah.

La piena preoccupa i paesi sul corso del Loing, come Montargis, soprannominato, mai tanto al ragione, la “Venezia del Gâtinais”. A causa delle inondazioni “la circolazione attorno a Orléans è impossibile“, ha avvertito la comunità degli autotrasportatori, che invita di automobilisti a evitare il momento di mettersi in viaggio per la città. Interrotti anche gli accessi alla zona industriale di Saran: molti i camion fermi per strada, impossibilitati a raggiungerla. In difficoltà anche la circolazione di treni nel “triangolo Orléans-Tours-Vierzon” riferisce la società ferroviaria francese. A Parigi una parte dei lungosenna è stata chiusa. L’ondata di piena della Senna, che potrebbe raggiungere i cinque metri, è attesa per stasera e sono già finiti sottì’acqua i piedi dello zuavo del ponte dell’Alma, celebre statua che serve da segnalatore dei livello del fiume per i parigini. Allerta arancione per “inondazioni” nel Loir-et-Cher, nella Meuse, Meurthe-et-Moselle e nella Mosella.

Alle porte di Orleans, 650 automobilisti sulla A10 hanno vissuto un incubo ieri sera, costretti ad abbandonare l’auto e ricorrere ai camion della protezione civile per essere tratti in salvo. Hanno dormito nel palasport dopo aver preso atto dell’impossibilita’ di raggiungere il centro della citta’.  Alle porte di Parigi, ritardi e danneggiamenti alle linee del metro regionale RER. In centro, chiusura dei Lungosenna per la piena del fiume, che dovrebbe raggiungere oggi un livello record.

Alluvione Francia, notte da incubo a Parigi per la piena della Senna: “il peggio nel weekend” [GALLERY]