Anche in Bosnia è emergenza smog: situazione critica a Sarajevo [FOTO]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

La cappa di nebbia e smog che da un mese ricopre varie citta’ della Bosnia, in primo luogo Sarajevo, Zenica e Tuzla, con alti livelli di polveri sottili, ha portato nei giorni scorsi alla chiusura delle scuole nella capitale bosniaca. Le autorita’ da diversi giorni invitano la popolazione a uscire il meno possibile e da qualche giorno i volontari distribuiscono per le strade le mascherine antismog fornite dalla Croce rossa. La fitta nebbia ha causato in queste settimane molti disagi nel traffico, in particolare quello aereo, e l’aeroporto di Sarajevo e’ stato chiuso per diversi periodi. Zenica e Tuzla sono citta’ a forte presenza di industrie inquinanti, mentre nella capitale, situata in una conca tra le montagne, l’inquinamento e’ dovuto in primo luogo all’uso di combustibili solidi per il riscaldamento e la presenza per le strade cittadine di migliaia di vecchie auto, che usano sistemi al di sotto degli standard Euro 3.