Arcipelago delle isole Phi Phi: al largo della Thailandia uno dei luoghi più incantevoli del pianeta [FOTO]

/
MeteoWeb

Situate al largo della Thailandia, nel mare delle Andamane, 45 km a sud est dall’isola di Phuket, le isole Phi Phi rappresentano una meta da sogno, regalando ai visitatori un mare cristallino ricco di coralli, spiagge bianche luccicanti e vertiginose scogliere a strapiombo

Immaginate quale volto abbia il Paradiso. In molti sognano come possa essere ma sul mondo terreno ci sono luoghi di una bellezza incommensurabile, tanto da togliere il fiato. Tra questi, l’arcipelago delle isole Phi Phi con le sue spiagge bianche luccicanti, il mare cristallino dalle mille tonalità di verde in cui i coralli si espandono a grandi profondità e vertiginose scogliere a strapiombo. Il termine “Phi Phi” è dovuto alla presenza, sulle isole, di mangrovie, piante legnose molto particolari che hanno la capacità di radicarsi nelle acque salate. Situate al largo della Thailandia, nel mare delle Andamane, 45 km a sud est dall’isola di Phuket, rappresentano una meta da sogno. L’arcipelago, rientrante nell’Hatnopparatthara-Mukophi National Park, un parco nazionale rinomato per la sua fantastica flora e fauna, è costituito da 6 isole: Koh Phi Phi Don, la più turistica, che occupa una superficie di 28 km quadrati, nota per i suo siti di immersione subacquea e per le sue sabbie finissime, Koh Phi Phi Keh, più piccola ma non meno spettacolare della precedente, con una superficie di 6,6 km quadrati di estensione, famosa per “The Beach”m uscito sugli schermi cinematrografici nel 2000, con attori del calibro di Leonardo di Carpio, Guillaume Canet e Virginie Ledoyen. Si ritiene che forse in questa zona si trovavano le più antiche comunità thailandesi già nel periodo preistorico. Le altre quattro isole minori si chiamano Koh Phai, detta “Bamboo Island”, Koh Yung, detta “Yung Island”, Bida Nok e Bida Nai. L’arcipelago è ideale per chi desidera immergersi totalmente nella natura ed è meta ideale di moltissimi viaggiatori, affascinati dalla surreale bellezza dei suoi paesaggi in cui si mescolano scogliere di roccia calcarea, baie lussureggianti, fondali unici. Il periodo migliore per visitare queste isole va da novembre e febbraio, in quanto da maggio a ottobre le piogge sono frequenti e il mare troppo mosso. Nelle isole non esistono strade ma solo sentieri da percorrere a piedi o noleggiando bici.