Argentina, sottomarino disperso: ecco cosa ha causato il corto circuito del San Juan [FOTO]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

Sarebbe stata l‘acqua entrata dallo snorkel a causare il corto circuito della batteria del sottomarino argentino San Juan, prima che scomparisse, lo scorso 15 novembre. Lo ha detto il portavoce della marina argentina Enrique Balbi in una conferenza stampa, mentre la speranza di trovare vivi i 44 membri dell’equipaggio si avvicina allo zero. Il San Juan aveva scorte di ossigeno solo per sette giorni . Nel momento in cui si sono persi i contatti è stato rilevato un rumore che per la marina avrebbe potuto essere un’implosione sulla nave.

Prima della scomparsa, il comandante del sottomarino aveva riferito alla base di Mar del Plata che era entrata acqua nella nave attraverso lo snorkel, provocando un corto circuito della batteria. “Hanno dovuto isolare la batteria e continuare a navigare sott’acqua verso Mar del Plata, usando un’altra batteria”, ha detto Balbi. La ricerca del sottomarino diesel-elettrico da 65 metri è concentrata in un’area a circa 430 km (267 miglia) dalla costa meridionale dell’Argentina.

Nelle operazioni sono impegnati navi e aerei provenienti da 13 paesi, tra cui Brasile, Cile e Gran Bretagna. Tra i famigliari dei membri dell’equipaggio, nella giornata di lunedì ci sono state tensioni tra coloro che rifiutano di abbandonare la speranza e quelli che dicono che è tempo di accettare che i loro cari non torneranno vivi.