Astronomia: Cassini completa l’ultimo flyby ravvicinato su Encelado [FOTO]

  • Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute
    Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute
  • Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute
    Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute
  • Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute
    Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute
/
MeteoWeb

Cassini è il frutto di un progetto congiunto di NASA, ESA e ASI

La sonda Cassini ha iniziato a tramettere dati e immagini dell’ultimo flyby ravvicinato effettuato su Encelado, satellite naturale di Saturno. La sonda ha sorvolato la luna ad una distanza di 4.999 km sabato 19 dicembre alle 12:49 EST. “Questo flyby finale di Encelado suscita sentimenti sia di trionfo che di tristezza,” dichiara Earl Maize, project manager della missione Cassini al JPL NASA. La missione continuerà il monitoraggio dell’attività del satellite naturale, fino alla fine della missione nel settembre 2017. E’ stato il 22° incontro tra la sonda ed Encelado.

Entro la fine di quest’anno, Cassini partirà dal piano equatoriale di Saturno per iniziare un anno di preparazione tecnica al gran finale: gettarsi tra gli anelli del pianeta per gli studi finali. La sonda ha potuto misurare la quantità di calore proveniente dall’interno della luna e ha potuto osservare le diverse caratteristiche geologiche che hanno reso popolare questa luna come le striature della sua superficie ghiacciata. Già dopo il 2005, ha fatto una serie di scoperte sul materiale che sgorga dalle fratture vicino al polo sud di Encelado, uno dei luoghi che nel nostro Sistema solare potrebbe, potenzialmente, ospitare la vita. Nel 2014, gli scienziati hanno annunciato le prove dell’esistenza di un oceano nel sottosuolo, ipotesi confermata poi nel 2015.

Cassini è il frutto di un progetto congiunto di NASA, ESA e ASI. La sonda venne lanciata nell’ottobre del 1997 insieme con la sonda Huygens dell’ESA e, una volta raggiunto Saturno, ne ha studiato gli anelli e il campo magnetico.