Astronomia: ecco le nuove FOTO di Plutone, un mondo “complesso”

  • Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute
    Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute
  • Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute
    Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute
  • Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute
    Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute
  • Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute
    Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute
  • Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute
    Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute
  • Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute
    Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute
  • Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute
    Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute
/
MeteoWeb

La sonda New Horizons si trova ora a circa 5 miliardi di km dalla Terra e ad oltre 69 milioni di km da Plutone. E’ operativo e tutti i suoi sistemi funzionano normalmente

I nuovi scatti ravvicinati di Plutone catturati dalla sonda NASA New Horizons rivelano una grande varietà di caratteristiche superficiali che stupiscono gli scienziati per la loro complessità. “Plutone mostra diversità nella morfologia e complessità nei processi che competono con quanto già visto nel sistema solare,” dichiara Alan Stern, Principal Investigator della team New Horizons. “Se un artista avesse disegnato tutto questo prima del flyby, probabilmente lo avrei definito straordinario, ma è proprio com’è in realtà.”

Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute
Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute

La superficie di Plutone è in ogni sua parte complessa quanto lo è Marte,” dichiara Jeff Moore, a capo del team Geology, Geophysics and Imaging (GGI) di New Horizons. “Le montagne raggruppate in modo casuale potrebbero essere immensi blocchi di ghiaccio che galleggiano sopra un deposito di azoto congelato dentro la regione soprannominata in modo informale Sputnik Planum.

Vedere le dune di Plutone – se è di questo che si tratta – sarebbe davvero eccitante, perché oggi l’atmosfera di Plutone è molto sottile,” dichiara William B. McKinnon, del GGI di New Horizons. “O Plutone aveva un’atmosfera più spessa in passato, o alcuni processi che non abbiamo compreso sono in corso.”

Le scoperte, però, non si fermano qui. Nuove immagini hanno come protagonisti i satelliti naturali Caronte, Notte, Idra e verranno rilasciate a breve.

La sonda New Horizons si trova ora a circa 5 miliardi di km dalla Terra e ad oltre 69 milioni di km da Plutone. E’ operativo e tutti i suoi sistemi funzionano normalmente.