Astronomia: ecco le prime FOTO del’incontro ravvicinato tra Encelado e la sonda Cassini

  • Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute
    Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute
  • Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute
    Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute
  • Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute
    Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute
  • Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute
    Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute
  • Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute
    Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute
/
MeteoWeb

Attesissimi sono i dati dell’assaggio dell’oceano di Encelado, ossia le particelle dei pennacchi che si pensa siano emessi da processi geologici in azione sul fondale dell’oceano sotterraneo che avvolge la luna

Ecco le prime foto dell’incontro ravvicinato tra la sonda Cassini e il satellite naturale Encelado che nasconde un oceano di acqua salata potenzialmente abitabile. Mostrano i getti luminosissimi che dal polo Sud della luna scagliano nello spazio particelle di ghiaccio e vapore d’acqua. La sonda, frutto della missione fra NASA, ESA e ASI, ha effettuato il flyby su Encelado il 28 ottobre scorso quando si e’ tuffata nei geyser mentre era a 49 chilometri dalla superficie della luna. ”Le fotografie inviate da Cassini sono meravigliose ma le immagini e le informazioni piu’ emozionanti devono ancora arrivare”, dichiara Linda Spilker, del JPL NASA. Cassini continuera’ trasmettere i dati e le immagini dall’incontro per i prossimi giorni. Per analizzare le informazioni relative alle particelle emesse dai geyser, secondo la Nasa ci vorranno settimane di lavoro.

Quello del 28 ottobre e’ stato il penultimo incontro fra Cassini ed Encelado. L’ultimo e’ previsto il 19 dicembre, quando dalla distanza di circa 5.000 chilometri la sonda misurera’ la quantita’ di calore proveniente dal cuore della luna.