Astronomia, ESO: il drammatico duo R Aquarii, macabra danza tra due stelle [GALLERY]

  • Durante le verifiche di un nuovo sottosistema del cacciatore di pianeti SPHERE, installato sul VLT (Very Large Telescope) dell'ESO, alcuni astronomi sono riusciti a catturare con una chiarezza senza precedenti - anche rispetto alle osservazioni di Hubble - dettagli drammatici della turbolenta relazione stellare nella binaria R Aquarii.L'immagine qui presentata è stata ottenuta dall'osservazione di R Aquarii effettuata da SPHERE/ZIMPOL e mostra la binaria insieme con i getti di materiali lanciati dalla coppia stellare. Credit: ESO/Schmid et al.
    Durante le verifiche di un nuovo sottosistema del cacciatore di pianeti SPHERE, installato sul VLT (Very Large Telescope) dell'ESO, alcuni astronomi sono riusciti a catturare con una chiarezza senza precedenti - anche rispetto alle osservazioni di Hubble - dettagli drammatici della turbolenta relazione stellare nella binaria R Aquarii.L'immagine qui presentata è stata ottenuta dall'osservazione di R Aquarii effettuata da SPHERE/ZIMPOL e mostra la binaria insieme con i getti di materiali lanciati dalla coppia stellare. Credit: ESO/Schmid et al.
  • Durante le verifiche di un nuovo sottosistema del cacciatore di pianeti SPHERE, installato sul VLT (Very Large Telescope) dell'ESO, alcuni astronomi sono riusciti a catturare con una chiarezza senza precedenti.SPHERE non era l'unico strumento usato per questo studio: con un sorprendente esempio di lavoro di squadra dei telescopi, le osservazioni di SPHERE del VLT sono state completate da immagini dalla Wide Field Camera 3 (WFC3) del telescopio spaziale Hubble. L'ampio campo di vista e la sensibilità di Hubble hanno catturato un'immagine di R Aquarii su larga scala, mentre le osservazioni SPHERE/ZIMPOL ad alta risoluzione hanno rivelato una veduta senza precedenti e con tanti dettagli della coppia simbiotica al centro della scena.Gli astronomi sono stati in grado quindi di sfruttare i dati del telescopio spaziale Hubble, che per caso aveva osservato R Aquarii proprio pochi giorni prima delle osservazioni di SPHERE. Questo fortunato tempismo, con le parole stesse del team,
    Durante le verifiche di un nuovo sottosistema del cacciatore di pianeti SPHERE, installato sul VLT (Very Large Telescope) dell'ESO, alcuni astronomi sono riusciti a catturare con una chiarezza senza precedenti.SPHERE non era l'unico strumento usato per questo studio: con un sorprendente esempio di lavoro di squadra dei telescopi, le osservazioni di SPHERE del VLT sono state completate da immagini dalla Wide Field Camera 3 (WFC3) del telescopio spaziale Hubble. L'ampio campo di vista e la sensibilità di Hubble hanno catturato un'immagine di R Aquarii su larga scala, mentre le osservazioni SPHERE/ZIMPOL ad alta risoluzione hanno rivelato una veduta senza precedenti e con tanti dettagli della coppia simbiotica al centro della scena.Gli astronomi sono stati in grado quindi di sfruttare i dati del telescopio spaziale Hubble, che per caso aveva osservato R Aquarii proprio pochi giorni prima delle osservazioni di SPHERE. Questo fortunato tempismo, con le parole stesse del team, "ha offerto un'opportunità unica per migliorare la qualità delle misure di flusso effettuate da ZIMPOL e la calibrazione dell'efficienza dello strumento".Questa immagine mette a confronto una parte dell'osservazione a campo ampio di Hubble con i dettagli intricati scoperti dalle impareggiabili capacità di osservazione di SPHERE e del VLT. Credit: ESO/Schmid et al./NASA/ESA
  • Questo grafico mostra l'ubicazione di R Aquarii nella costellazione dell'Acquario. Il grafico mostra l'ubicazione della maggior parte delle stelle visibili a occhio nudo in buone condizioni osservative. È indicata anche la posizione della porzione di cielo mostrata nell'immagine. Credit: ESO, IAU and Sky & Telescope
    Questo grafico mostra l'ubicazione di R Aquarii nella costellazione dell'Acquario. Il grafico mostra l'ubicazione della maggior parte delle stelle visibili a occhio nudo in buone condizioni osservative. È indicata anche la posizione della porzione di cielo mostrata nell'immagine. Credit: ESO, IAU and Sky & Telescope
  • Durante le verifiche di un nuovo sottosistema del cacciatore di pianeti SPHERE, installato sul VLT (Very Large Telescope) dell'ESO, alcuni astronomi sono riusciti a catturare con una chiarezza senza precedenti - anche rispetto alle osservazioni di Hubble - dettagli drammatici della turbolenta relazione stellare nella binaria R Aquarii.L'immagine mostrata qui è un composito a colori prodotto a partire dai dati della DSS2 (Digitized Sky Survey 2) e mostra la regione che circonda R Aquarii, il punto brillante di colore arancione al centro dell'immagine. Credit:
ESO/Digitized Sky Survey 2. Acknowledgment: Davide De Martin
    Durante le verifiche di un nuovo sottosistema del cacciatore di pianeti SPHERE, installato sul VLT (Very Large Telescope) dell'ESO, alcuni astronomi sono riusciti a catturare con una chiarezza senza precedenti - anche rispetto alle osservazioni di Hubble - dettagli drammatici della turbolenta relazione stellare nella binaria R Aquarii.L'immagine mostrata qui è un composito a colori prodotto a partire dai dati della DSS2 (Digitized Sky Survey 2) e mostra la regione che circonda R Aquarii, il punto brillante di colore arancione al centro dell'immagine. Credit: ESO/Digitized Sky Survey 2. Acknowledgment: Davide De Martin
/
MeteoWeb

Questa spettacolare immagine – la seconda puntata della settimana dell’ESO dedicata a R Aquarii – mostra dettagli intimi del drammatico duo stellare che forma la stella binaria R Aquarii. Sebbene la maggior parte delle stelle binarie siano legate tra loro in un garbato valzer condotto dalla gravità, la relazione tra le stelle di R Aquarii è molto meno serena. Nonostante le sue dimensioni minuscole, la più piccola delle due stelle in questa coppia sta estraendo costantemente il materiale dalla compagna morente: una gigante rossa.

Anni di osservazioni hanno portato alla luce la singolare storia della stella binaria R Aquarii, visibile al centro di questa immagine. La più grande delle due stelle, la gigante rossa, è un tipo di stella noto come variabile di tipo Mira. Alla fine della loro vita, queste stelle iniziano a pulsare, diventando 1000 volte più luminose del Sole, mentre i loro gusci esterni si espandono e vengono lanciati nel vuoto interstellare.

L’agonia di questa grande stella è di per sé drammatica, ma l’influenza della stella compagna, una nana bianca, trasforma questa affascinante situazione astronomica in un sinistro spettacolo cosmico. La nana bianca – che è più piccola, più densa e molto più calda della gigante rossa – strappa il materiale dagli strati esterni della compagna più grande. I getti di materiale stellare proiettati da questo gigante morente si vedono in questa immagine mentre sono espulsi verso l’esterno da R Aquarii.

Occasionalmente, una quantità sufficiente di materiale si accumula sulla superficie della nana bianca per innescare un’esplosione termonucleare di nova, un evento titanico che lancia una grande quantità di materiale nello spazio. I resti di nova avvenuti nel passato sono visibili nella tenue nebulosa di gas che si irradia da R Aquarii.

Questo grafico mostra l’ubicazione di R Aquarii nella costellazione dell’Acquario. Il grafico mostra l’ubicazione della maggior parte delle stelle visibili a occhio nudo in buone condizioni osservative. È indicata anche la posizione della porzione di cielo mostrata nell’immagine. Credit: ESO, IAU and Sky & Telescope

R Aquarii si trova a soli 650 anni luce dalla Terra – vicinissima in termini astronomici – ed è una delle stelle binarie simbiotiche più vicine alla Terra. In quanto tale, questa interessante binaria ha ricevuto particolare attenzione da parte degli astronomi per decenni. Fotografare la miriade di caratteristiche di R Aquarii era un modo perfetto per gli astronomi di testare le capacità del Polarimetro IMaging di Zurigo (ZIMPOL), uno dei componenti del cacciatore di pianeti SPHERE. I risultati hanno superato ciò che si ottiene con osservazioni dallo spazio – l’immagine mostrata qui è ancora più nitida rispetto alle osservazioni del famoso telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA.

SPHERE è stato sviluppato in anni di studi e costruzioni proprio per essere dedicato a una delle aree più interessanti ed entusiasmanti dell’astronomia: la ricerca di esopianeti. Usando un sistema di ottica adattiva all’avanguardia e strumenti specializzati come ZIMPOL, SPHERE può raggiungere l’impresa impegnativa di produrre un’immagine diretta degli esopianeti. Tuttavia, le capacità di SPHERE non si limitano alla caccia agli sfuggenti esopianeti: lo strumento può anche essere usato per studiare una varietà di sorgenti astronomiche – come si può vedere da questa immagine affascinante delle caratteristiche peculiari di R Aquarii.