Auroville: una città da sogno senza soldi, politica e religione [FOTO]

/
MeteoWeb

In una foresta lungo la costa di Coromandel, nel Sud dell’India, dove fino a qualche decennio si trovava un deserto rosa, sorge Auroville, ribattezzata “città dell’unità umana”; una città da sogno senza soldi, politica e religione. Fondata nel 1968 da un gruppo di giovani hippy, sotto le direttive di Mirra, la Madre Alfassa, devota collaboratrice spirituale del filosofo indipendentista indiano Sri Aurobindo, è autosufficiente energeticamente, basata sull’agricoltura biologica, sulla bioedilizia e sul riciclo di quasi tutti i materiali. Inoltre, vanta un sistema educativo gratuito senza voti, è strutturata sulla proprietà collettiva, senza leggi o forze dell’ordine e coltiva l’arte spontanea, la quiete e la meditazione. Per diventare residenti permanenti di Auroville, agli aspiranti abitanti, è chiesto di contribuire attivamente alla comunità per almeno 2 anni, senza mai allontanarsi da essa. Un comitato ristretto, l’Entry Group, analizza tutte le richieste di residenza. La città ospita 2500 abitanti di 47 nazionalità, tra cui oltre un centinaio di italiani.