Auto elettriche: Porsche raddoppia i volumi di Taycan [GALLERY]

  • Porsche Mission E
    Porsche Mission E
  • Porsche Mission E
    Porsche Mission E
  • Porsche Mission E
    Porsche Mission E
  • Porsche Mission E
    Porsche Mission E
  • Porsche Mission E
    Porsche Mission E
  • Test prototipo di Porsche Taycan
    Test prototipo di Porsche Taycan
  • Test prototipo di Porsche Taycan
    Test prototipo di Porsche Taycan
  • Test prototipo di Porsche Taycan
    Test prototipo di Porsche Taycan
  • Test prototipo di Porsche Taycan
    Test prototipo di Porsche Taycan
  • Test prototipo di Porsche Taycan
    Test prototipo di Porsche Taycan
  • Test prototipo di Porsche Taycan
    Test prototipo di Porsche Taycan
/
MeteoWeb

Il marchio tedesco Porsche, a partire dal 2020, avvierà la produzione Taycan, la sua prima vettura a trazione completamente elettrica che sarà svelata il prossimo settembre al Salone di Francoforte 2019.
Cosa succede però quando l’auto in questione è una quattro porte sportiveggiante che promette circa 600 cv, uno 0-100 km/h in 3,5 secondi e un’autonomia superiore ai 500 km?

Succede che, nonostante il modello definitivo non sia stato ancora presentato, la domanda di prenotazioni da parte dei clienti più facoltosi (è chiaro che il prezzo non sarà alla portata di tutti) cresce, superando le stime in termini di volumi produttivi annuali che la casa aveva preventivato.

Secondo le ipotesi originarie, dagli stabilimenti di Stoccarda, adeguati alle necessità dell’elettrica, sarebbero dovute uscire 20.000 vetture all’anno. La Casa avrebbe però deciso di raddoppiare i volumi produttivi, arrivando ad un monte teorico di 40.000 esemplari dell’elettrica ogni anno. Per fare un confronto gli esemplari di 911 venduti nei 12 mesi scorsi sono stati circa 36.000.

Questo la dice lunga sull’attesa generatasi attorno alla prima elettrica di casa Porsche derivata dal concept Mission E e che trasmette sportività già a partire dal nome: «cavallino vivace», è questo il significato di Taycan e rimanda all’animale posto al centro dello scudo Porsche dal 1952.