Auto: una Mercedes Classe G scolpita nel ghiaccio [FOTO e VIDEO]

/
MeteoWeb

Nata nel 1972, la Mercedes Classe G, ha attraversato quarant’anni di storia e si è sempre distinta per aver mantenuto nel tempo le linee che la hanno resa moderna ed elegante ma allo stesso tempo robusta ed efficace in fuoristrada.

Ed è proprio questa sua immagine di veicolo adatto a qualsiasi utilizzo che ha spinto la casa tedesca a voler portare un esemplare di Classe G diverso dal solito tra la neve a più di 2000 metri di altezza.

Certo, vedere il fuoristrada della stella in questo contesto non è di certo inusuale, qui però non parleremo di una versione di serie bensì vedremo una Classe G scolpita nel ghiaccio.

Per svolgere il particolare compito è stato coinvolto l’artista internazionale Francesco Falasconi, che ha impiegato quattro giorni per completare la scultura sulla vetta del monte Kronplatz, a 2.275 metri d’altezza, dove l’auto resterà fino all’ultima tappa del 4MATIC Tour, in programma dal 14 al 17 marzo sulle nevi della rinomata località altoatesina. Un calendario di 20 appuntamenti all’insegna di sicurezza, tecnologia e massima performance: valori che da sempre rappresentano la trazione integrale della Stella.

Classe G vive da sempre un rapporto simbiotico con gli elementi della natura”, ha dichiarato Mirco Scarchilli, Responsabile Marketing Communication Experience di Mercedes-Benz Italia. “Questa scultura a grandezza naturale è la perfetta espressione di questo legame e dei valori di forza e purezza che da sempre rappresenta la nostra icona off-road.”

Il ghiaccio è una materia con caratteristiche uniche in termini di purezza, colore e assenza di bolle d’aria che la rendono ideale per questo tipo di impiego. Ne sono servite oltre 12 tonnellate provenienti dalla Polonia a bordo di un truck attrezzato per questo tipo di trasporto. Una qualità di ghiaccio che ha la prerogativa di uno scioglimento molto più lento rispetto a quello comune, garantendo alla scultura un’ottima durata nel tempo.

“È stata una sfida molto impegnativa, che abbiamo affrontato dopo un’intensa preparazione tecnica e un lungo e profondo studio del progetto”, ha dichiarato l’artista Francesco Falasconi che ha coordinato un team di quattro scultori. ”Siamo orgogliosi di essere riusciti a ricreare nel ghiaccio un oggetto leggendario come la mitica Classe G.”