BepiColombo: il satellite europeo per l’esplorazione di Mercurio [FOTO e VIDEO]

  • Stephane CORVAJA
    Stephane CORVAJA
  • Stephane CORVAJA
    Stephane CORVAJA
  • Stephane CORVAJA
    Stephane CORVAJA
/
MeteoWeb

Missione e obiettivi:

BepiColombo, il cui nome deriva dal matematico, fisico, astronomo e  ingegnere padovano soprannominato il “Meccanico del cielo”, è il satellite europeo per l’esplorazione di Mercurio, un progetto frutto della collaborazione tra Europa  (Agenzia Spaziale Europea ESA) e Giappone (Agenzia Spaziale Giapponese JAXA). La missione, si pone come obiettivo lo studio dettagliato del pianeta Mercurio e dell’ambiente che lo circonda. Il lancio è attualmente previsto il 20 di Ottobre 2018 da Kourou, in Guyana francese, con un razzo Ariane 5.

Il satellite si compone di tre moduli interconnessi tra loro: il modulo di trasferimento MTM (Mercury Transfer Module), il modulo MPO (Mercury Planetary Orbiter), che orbiterà intorno al pianeta  e il modulo MMO (Mercury Magnetospheric Orbiter) di osservazione della magnetosfera di Mercurio.

I moduli MTM  e MPO ospitano sottosistemi  interamente progettati negli stabilimenti  di Thales Alenia Space in Italia nello specifico nel sito di Torino.

Obiettivi scientifici della missione:

  • studiare l’origine e l’evoluzione di un pianeta che orbita vicinissimo  alla propria stella;
  • analizzarne le caratteristiche planetologiche: forma, struttura, composizione superficiale e interna;
  • investigare le proprietà dell’esosfera e le sua dinamica ;
  • individuare l’origine del campo magnetico e le caratteristiche della magnetosfera;
  • validare le previsioni della teoria della relatività generale di Einstein.

Il Ruolo di Thales Alenia Space

Thales Alenia Space in Italia è parte del Core Team, guidato da Airbus Defence & Space, e ha coordinato un team industriale di 35 aziende europee. In particolare è responsabile dei sistemi di telecomunicazione, controllo termico, distribuzione della potenza elettrica, della integrazione e prove del satellite completo e del supporto alla campagna di lancio. L’azienda ha sviluppato, inoltre, il Deep Space Transponder – trasponditore in banda X e Ka, i computers di bordo, la memoria di massa e l’antenna ad alto guadagno. Per conto dell’Agenzia Spaziale Italiana Thales Alenia Space ha inoltre sviluppato l’esperimento di Radioscienza More e l’accelerometro ISA.

Bepi Colombo sfide tecnologiche e caratteristiche

La peculiarità di BepiColombo è quello di sviluppare  particolari tecnologie per le alte temperature: infatti la distanza Mercurio-Sole è poco meno di 1/3 della distanza Terra-Sole e si stima che la radiazione solare in orbita intorno a Mercurio sia 10 volte più intensa di quelli in orbita intorno alla Terra. Per arrivare su Mercurio, la sonda – nella parte esposta al Sole – sopporterà temperature superiori a 300°C, con escursioni sul riflettore dell’antenna a 400°C e oltre, mentre all’interno del modulo MPO gli strumenti potranno operare  a temperature molto meno severe, da 0°C a 40°C.

E’ stato quindi necessario sviluppare materiali e dispositivi ad hoc per tutti gli elementi esposti quali le coperte termiche, le antenne, le celle solari e per i relativi meccanismi di puntamento.

Il Trasponditore costituisce una sostanziale innovazione della linea di apparati di radio-comunicazione per lo Spazio Profondo.

L’Antenna ad alto guadagno (interamente sviluppata da Thales Alenia Space in Italia) si caratterizza per le elevatissime prestazioni, indispensabili per affrontare le severe condizioni ambientali di Mercurio. Si tratta di una evoluzione dell’antenna realizzata per la nota missione Cassini-Huygens per lo studio di Saturno.

Spazio, BepiColombo: il satellite europeo per l’esplorazione di Mercurio [VIDEO]