Bologna, violenta esplosione in autostrada: il racconto di un testimone, “un boato, ho pensato a un attentato” [FOTO e VIDEO]

  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
/
MeteoWeb

“Ho ancora l’auto sotto il cavalcavia, aspetto di capire se e quando la potrò riprendere. Mi trovavo qui per lavoro, ero al ristorante ‘Il randagio’ quando, a un certo punto abbiamo sentito uno scoppio violentissimo: ho pensato ad un attentato”.“Ho ancora l’auto sotto il cavalcavia, aspetto di capire se e quando la potrò riprendere. Mi trovavo qui per lavoro, ero al ristorante ‘Il randagio’ quando, a un certo punto abbiamo sentito uno scoppio violentissimo: ho pensato ad un attentato”.

Così Marco Rosadini, di Arezzo, racconta i momenti vissuti intorno alle 14 quando un incendio ha fatto esplodere un mezzo pesante sul viadotto che collega A1 e A14 sulla via Emilia a Borgo Panigale a Bologna.

“Poi – aggiunge – con la deflagrazione il tetto di vetro del ristorante ha iniziato a crollare: le persone hanno iniziato a scappare. Eravamo seduti, a un certo punto si è sentito un boato fortissimo ed ha cominciato a venire giù tutto. Ho guardato fuori e mi è sembrata di vedere tutta una parete di fiamme”. Quindi, conclude, “ci sono stati 7-8 minuti di scoppi: non ho davvero pensato a un incidente, avevo pensato ad un attentato”.