Bologna, disastro sulla A14: un morto, 145 feriti e disagi alla viabilità, “da 3 a 5 mesi per ricosrtruire il ponte”

  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
  • Foto di Massimo Paolone / LaPresse
    Foto di Massimo Paolone / LaPresse
/
MeteoWeb

E’ di 1 morto e 145 feriti il bilancio definitivo dell’incidente avvenuto ieri a Bologna, sul raccordo autostradale a Borgo Panigale, secondo i dati resi noti dall’Azienda Usl di Bologna.

Di questi quattro sono gravi, ricoverati ai centri grandi ustionati di Cesena e Parma, ma nessuno di loro è in pericolo di vita. All’Ospedale Maggiore di Bologna sono ricoverate 18 persone, tutti in condizioni lievi.

Nell’incidenti di ieri è morta una persona, l’autista dell’autocisterna che ha tamponato il tir che lo precedeva, provocando l’esplosione.

Nel frattempo si lavora per la viabilità. Ci vorranno da tre a cinque mesi per ricostruire il ponte autostradale parzialmente crollato ieri in seguito all’Incendio a Borgo Panigale. La stima dei tempi per il ripristino definitivo dell’infrastruttura è stata fatta nel corso di un incontro tenutosi in tarda mattinata in Prefettura, a Bologna.

“Si stanno individuando i materiali necessari per cercare se possibile di completare entro tre mesi la ricostruzione del ponte – ha spiegato il sottosegretario alle Infrastrutture, Michele Dell’Orco, presente all’incontro insieme alla sottosegretaria alla cultura Lucia Borgonzoni – ma se non si troveranno le travi opportune potrebbe servire più tempo”.

L’eventuale allungamento dei tempi viene stimato in cinque mesi: “Si procede con lavori d’urgenza ma bisogna trovare 12 travi, che Autostrade per l’Italia sta cercando anche all’estero – ha aggiunto il sindaco di Bologna Virginio Merola – se si trovano in fretta ci vogliono tre mesi, altrimenti di parla di cinque mesi”.