Bracconiere ucciso da un elefante e divorato dai leoni: lasciati solo il cranio e i pantaloni [FOTO]

Ritrovati i resti del bracconiere schiacciato a morte da un elefante e poi sbranato dai leoni: “Le indicazioni trovate sulla scena hanno suggerito che un branco di leoni abbia divorato i resti, lasciando solo un teschio umano e un paio di pantaloni”

  • Credit: SA Police
    Credit: SA Police
/
MeteoWeb

La polizia ha trovato quello che ritiene essere il cranio del bracconiere schiacciato a morte da un elefante e poi sbranato da un branco di leoni in una riserva naturale del Sudafrica. 3 amici della vittima sono scappati via dopo che l’uomo è stato ucciso mentre cercava di catturare un rinoceronte nel Parco Nazionale di Kruger.

Lo scorso 4 aprile è stata lanciata una ricerca a piedi della vittima. I ranger del parco che hanno condotto la ricerca hanno trovato solo il cranio e i pantaloni dell’uomo, fatti a pezzi. Don English, ranger del campo di Skukuza, ha dichiarato: “Le indicazioni trovate sulla scena hanno suggerito che un branco di leoni abbia divorato i resti, lasciando solo un teschio umano e un paio di pantaloni”. La foto del cranio è stata pubblicata sul sito web sudafricano Daily Sun. “Entrare nel Parco Nazionale di Kruger illegalmente e a piedi non è saggio: è molto pericoloso e questo episodio ne è la conferma. È molto triste vedere le figlie della vittima piangere la perdita del padre e ancora peggio, che siano state in grado di recuperare solo pochi dei suoi resti“, ha commentato il direttore del parco Glenn Phillips.

Phillips ha aggiunto che i compagni della vittima sono stati arrestati e dovranno presentarsi in tribunale a tempo debito. I 3 sono accusati di possesso di armi da fuoco e munizioni senza licenza, concorso in bracconaggio e sconfinamento. La polizia ha sequestrato i loro fucili da caccia e le munizioni.

Previsioni Meteo, bollettini, allerte e notizie di scienza con l’APP di MeteoWeb per iPhone e iPad: click qui per scaricarla dall’App Store

Previsioni Meteo, bollettini, allerte e notizie di scienza con l’APP di MeteoWeb per tutti i dispositivi Android: click qui per scaricarla da Google Play